Cantine aperte: in Toscana alla scoperta della cultura del vino

Leonardo Cantine Aperte

Sabato 25 e domenica 26 maggio nelle cantine di MTV Toscana –

L’esperienza in cantina al centro della rivoluzione enoturistica della Toscana.

Filo conduttore di Cantine Aperte in Toscana sarà la cultura che genera e anima il vino nell’anno di Matera capitale europea della cultura. Dalle visite sensoriali al “wine walk” in vigna, fino a mostre come quella su “Leonardo e il vino”

La cultura del vino in Toscana. Sì perché se il vino è cultura, è anche vero che la cultura si trova nelle cantine che lo producono. E per questo la cultura sarà il tema di Cantine Aperte in Toscana, il più grande evento nazionale dedicato ai turisti del vino, in programma in cento cantine di tutta la regione sabato 25 e domenica 26 maggio.

 

Per la ventisettesima edizione, il Movimento Turismo del Vino Toscana ha scelto la cultura, in senso ampio, come filo conduttore delle iniziative proposte dalle cantine aderenti.

Violante Gardini

«Dopo il successo di “Gustiamo il bello della Toscana”, per il 2019 con Matera capitale europea della Cultura, le nostre cantine hanno deciso di svelare la parte culturale che dà vita ai loro vini – spiega Violante Gardini, Presidente del Movimento Turismo del Vino Toscana – perché l’appuntamento con Cantine Aperte non è solo un momento per degustare, ma un evento in cui scoprire tesori che sono spesso nascosti nelle aziende che producono vino».

Cultura del Vino intesa in tutte le sue forme, a partire dall’arte della vinificazione, passando per quella degli abbinamenti enogastronomici, fino all’arte vera e propria racchiusa nelle cantine e nelle dimore del vino che per l’occasione apriranno in via eccezionale le porte di spazi dove l’arte si mescola al patrimonio enogastronomico. Cantine Aperte diventa su misura con la ricerca delle “esperienze”.

Cantine Aperte

I programmi sono tanti e come detto gireranno intorno al tema della Cultura del Vino in Toscana: si va dalle mostre dedicate a Leonardo da Vinci, fino al “wine walk” nei vigneti; poi concerti e ancora visite guidate a giardini monumentali o dimore storiche del vino. Intanto però il Movimento Turismo del Vino Toscana ha dato l’opportunità ai wine lovers di organizzare su misura il proprio Cantine Aperte: sul portale di MTVToscana infatti (www.mtvtoscana.com), oltre alle cantine partecipanti e alle loro attività per il 25 e 26 maggio, è disponibile la nuova pagina per la ricerca delle “esperienze” in cantina.

Dallo smartphone già da ora si potrà scegliere la cantina più vicina a livello di spazio, ma soprattutto a livello di offerta che stiamo cercando: la Spa del vino, percorsi in bici, a piedi, a cavallo o in quad; corsi di cucina o cene con il produttore; attività didattiche per i più piccoli o visite a dimore storiche. Un semplice clic per scoprire le realtà che più si addicono a come si vogliono vivere le giornate di Cantine Aperte.

Cantine Aperte. Nato in Toscana ventisette anni or sono, è oggi l’evento enoturistico più importante in Italia. Cantine Aperte è diventato nel tempo una filosofia, uno stile di viaggio e di scoperta dei territori del vino italiano, che vede, di anno in anno, sempre più turisti, curiosi ed enoappassionati avvicinarsi alle cantine, desiderosi di fare un’esperienza diversa dal comune. Cantine Aperte è un marchio di proprietà del Movimento Turismo del Vino, registrato e protetto giuridicamente per contrastarne qualunque abuso/imitazione e garantire ai consumatori qualità e professionalità nell’accoglienza, tratti distintivi delle cantine MTV.

L’Associazione Movimento Turismo del Vino Toscana è un ente non profit che raccoglie oltre cento soci fra le più prestigiose cantine del territorio, selezionate sulla base di specifici requisiti, primo fra tutti quello della qualità dell’accoglienza enoturistica. Obiettivo dell’associazione è promuovere la cultura del vino attraverso le visite nei luoghi di produzione. Ai turisti del vino il Movimento vuole, da una parte, far conoscere più da vicino l’attività e i prodotti delle cantine aderenti, dall’altra, offrire un esempio di come si può fare impresa nel rispetto delle tradizioni, della salvaguardia dell’ambiente e dell’agricoltura di qualità.

I programmi di Cantine Aperte in Toscana sono disponibili su http://www.mtvtoscana.com

Associazione Movimento Turismo del Vino Regione Toscana

Località Casato 17, 52014 Montalcino

Tel. +393497160023 – Email info@mtvtoscana.comhttp://www.mtvtoscana.com

SAPORI PRO LOCO 2018: IL PROGRAMMA COMPLETO

Sabato 12, domenica 13, venerdì 18, sabato 19, domenica 20 maggio – Villa Manin a Passariano di Codroipo

Inaugurazione ufficiale con le autorità domenica 13 maggio alle ore 11.00

632 Sapori di Pro Loco 2016. -® Foto Petrussi

Ritorna Sapori Pro Loco, la grande manifestazione enogastronomica organizzata dal Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia: la 17ma edizione si svolgerà come da tradizione nel prato tra le esedre della magnifica Villa Manin a Passariano di Codroipo il 12-13 maggio e il 18-19-20 maggio (inaugurazione ufficiale con le autorità domenica 13 maggio alle 11).

Confermato il format di successo che vedrà le Pro Loco del Friuli Venezia Giulia proporre, ognuna nel proprio stand, i migliori piatti tipici del territorio regionale a prezzi popolari e con l’utilizzo di stoviglie riutilizzabili e biodegradabili (la manifestazione ha il certificato di Ecofesta).

Per i visitatori sarà presente pure una fornita enoteca con i vini regionali, la birroteca con le birre artigianali e una gelateria con gelato artigianale.
Continuerà inoltre la felice collaborazione con Ersa, l’Agenzia per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, incentrata sulla promozione dei prodotti dalla filiera controllata e certificati con il marchio di qualità Aqua: novità di quest’anno, ci saranno anche degli showcooking per conoscere dal vivo, insieme ad esperti chef, la preparazione dei piatti più noti. Prezioso pure il sostegno della Fondazione Friuli, da sempre vicina alle attività del Comitato regionale delle Pro Loco che valorizzano tradizioni del territorio. Da ricordare che anche quest’anno lo spazio incontri sarà arredato con le sedie di design dell’Italian Chair District, il distretto della sedia italiana di Manzano, altra eccellenza territoriale valorizzata a Sapori Pro Loco. La manifestazione si deve al sostegno di enti e istituzioni, a partire dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia.

“Il Friuli Venezia Giulia vi apre le sue porte – dichiara Valter Pezzarini presidente del Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale Pro loco d’Italia – con un’accoglienza all’insegna del gusto: per la diciassettesima volta Sapori Pro Loco sarà nei due fine settimana centrali di maggio una vetrina con le eccellenze enogastronomiche offerte dalle Pro Loco regionali unite a tante proposte culturali di livello. Una grande festa della tipicità che ha pure una forte valenza turistica, essendo diventata per molti un appuntamento fisso da non perdere, adatto a tutte le età e capace anche di attrarre visitatori da fuori regione. Il prato tra le esedre di Villa Manin ospiterà come di consueto gli stand di varie Pro Loco che proporranno oltre cento tra piatti, birre e vini tipici, oltre al gelato artigianale, i quali rappresentano tutte le sfumature di sapori del Friuli Venezia Giulia dalle montagne fino al mare passando per la collina e la pianura. Anche quest’anno abbiamo mantenuto prezzi popolari, in modo che siano accessibili a tutti, confermando pure la particolare attenzione per l’ambiente nella scelta di stoviglie ecocompatibili e riutilizzabili. Sarà una vera e propria anteprima dei piatti tipici che poi potranno essere ritrovati nelle centinaia di eventi che lungo il corso dell’anno gli oltre 20 mila volontari delle Pro Loco regionali organizzano con passione nei propri borghi. Si rinsalda inoltre sempre di più il legame con l’Ersa, l’Agenzia per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, la quale proporrà dei momenti speciali, compresi dei nuovi show cooking, sui prodotti certificati con il marchio di qualità regionale Aqua nello Spazio Incontri, il quale ancora una volta verrà allestito con le sedute d’eccellenza dell’Italian Chair District di Manzano. Ricco il calendario delle attività collaterali in programma: spettacoli musicali e folkloristici, esibizioni bandistiche, momenti dedicati ai più piccoli con giochi, laboratori e animazioni, concerti con i cantanti più amati da giovani. Sapori Pro Loco si deve al sostegno di enti e istituzioni, a partire dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, che credono pienamente del valore di questo progetto, a vantaggio di tutta la comunità regionale. Che la festa cominci, dunque: vi auguriamo ore liete dove i sapori vi faranno da guida nella scoperta della splendida realtà delle nostre Pro Loco.”

NUMERI E NOVITÀ

Sapori Pro Loco 2018 vedrà all’opera 36 Pro Loco che proporranno 85 piatti tipici i quali, insieme a 12 birre artigianali, una quarantina di vini del territorio e i gelati artigianali, fanno salire il “menù” a oltre un centinaio di referenze. Sono 37 gli eventi collaterali e gli stand informativi inseriti nel ricco programma. Tra le novità rispetto lo scorso anno la presenza di due Pro Loco, che tornano a Villa Manin dopo essere state tra le protagoniste in passate edizioni: sono quella di Pagnacco e una delle due padrone di casa, ovvero la Pro Loco Villa Manin (l’altra del borgo è la Pro Loco Passariano). Altra novità gli show cooking con gli illustri chef Scarello e Pontoni inseriti nel calendario dei consueti incontri con Ersa FVG, nonché lo stand – bottega con in vendita i prodotti agroalimentari certificati AQUA.

PREZZI POPOLARI ED ECOSTOVIGLIE

Anche quest’anno Sapori Pro Loco propone la sua filosofia di degustazioni a prezzi accessibili a tutti: i piatti proposti andranno da un minimo di 1,50 a un massimo di 4,50 euro (prezzo rimasto invariato da diversi anni), in modo da dare a tutti la possibilità di assaggiare quante più specialità possibili. A Sapori Pro Loco si useranno inoltre posate, piatti e bicchieri compostabili: una scelta che significa rispetto e amore per la natura (per questo la manifestazione gode del marchio di Ecofesta).
I PIATTI DELLA TRADIZIONE

Sapori Pro Loco è un’ottimo punto di partenza per scoprire la cucina del Friuli Venezia Giulia, che unisce i gusti delle Alpi a quelli del Mare Adriatico. Da non perdere le diverse varianti di frico, tortino di formaggio da mangiare bello caldo, o i piatti a base di erbe spontanee, tipici della primavera. E poi ancora il rinomato prosciutto crudo di San Daniele, la costa alla fiamma e le tante varianti di piatti di carne, ma pure quelli di pesce sono assolutamente da provare come pure i dolci. Da ricordare come diverse Pro Loco hanno rinnovato il proprio menù, inserendo novità che pur essendo sempre legate alla tradizione portano ulteriore creatività nei piatti che si potranno degustare a Villa Manin.

VINI, BIRRE, GELATO DEL TERRITORIO

Nell’Enoteca regionale saranno proposti i migliori vini del Friuli Venezia Giulia da 32 cantine e tutte le zone Doc compresa la nuova Doc Friuli, selezionati durante la Fiera regionale dei Vini di Buttrio e la Mostra Concorso Vini Doc Bertiûl tal Friûl di Bertiolo (ci saranno anche vini autoctoni come Schioppettino, Picolìt e Ramandolo). L’Enoteca sarà gestita dalla Pro Loco di Bertiolo e dalla Pro Loco Buri di Buttrio.

Per la terza volta a Sapori Pro Loco ci sarà la Birroteca Regionale.  A curare la proposta la Pro Loco Rivolto insieme all’Associazione Artigiani Birrai del Friuli Venezia Giulia.

Per una bibita fresca, un sorbetto o un caffè funzionerà anche il chiosco bar di Sapori Pro Loco, gestito dalla Pro Loco Grions e dalla Pro Loco San Vito al Tagliamento, mentre la gelateria artigianale realizzato con prodotti AQUA sarà gestita dalla Pro Loco Passariano.

ACQUA A KM ZERO

L’acqua è fornita da Dolomia, sorgente regionale nel cuore del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, dichiarate patrimonio dell’Unesco nel 2009. Acqua Dolomia sgorga a 833 metri sul livello del mare e viene imbottigliata sempre corrente, con passione e rispetto per l’ambiente, da Sorgente Valcimoliana, nata nel 2008 a Cimolais (Pordenone) e che nel 2017 ha prodotto 80 milioni di bottiglie.

SEDIE D’ECCELLENZA

Nello Spazio incontri si potrà provare un’altra eccellenza del Friuli Venezia Giulia, ovvero le migliori sedute del Made in Italy a cura dell’Italian Chair District in collaborazione con la Pro Loco di Manzano.

PRODOTTI CERTIFICATI AQUA

Negli stand delle Pro Loco saranno protagonisti in molte ricette i prodotti certificati con il marchio di qualità Aqua della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia garantiti dal disciplinare di produzione. Prodotti che si potranno anche degustare nel nuovo stand-bottega dedicato. Inoltre le filiere di alcuni di essi e quella del vino e della birra, nonché di altri prodotti di eccellenza, saranno al centro di approfondimenti con degustazione nello Spazio incontri.

Sabato 12 maggio

Alle 18.30 si parte con L’olivicoltura in Friuli Venezia Giulia: Approccio all’assaggio degli Oli Extravergini d’oliva, momento in cui saranno fatti conoscere e degustare gli oli prodotti sul territorio regionale. A cura di Ersa FVG.

Domenica 13 maggio

Alle 14.30 laboratorio di cucina per i bambini Mani in pasta, a cura di Germano Pontoni, già presidente dei Cuochi Friuli Venezia Giulia, e il simpatico Ciccio Pasticcio, maestro di cucina per i più piccoli (per bambini da tre anni in su).

Alle 16.30 Un viaggio in Carnia tra sapori, piante e fiori, ovvero come conoscere e utilizzare le erbe spontanee in cucina. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Uti della Carnia.

Alle 18.30 Degustare il vino, un breve corso di approccio alla degustazione dei vini regionali. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier FVG.

Venerdì 18 maggio

Alle 18.30 toccherà invece all’incontro su come Degustare le birre artigianali del FVG. Appuntamento a cura dell’Associazione Artigiani Birrari FVG.

Sabato 19 maggio

Alle 11 secondo appuntamento con Degustare il vino, un breve corso di approccio alla degustazione dei vini regionali. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier FVG.

Alle 15.30 si replica anche con Degustare le birre artigianali del FVG. Appuntamento a cura dell’Associazione Artigiani Birrari FVG.

Domenica 20 maggio

Alle 10 nell’area esterna allo Spazio incontri con la dimostrazione della produzione di formaggio con la creazione di un mini caseificio. A cura di Ersa FVG.

Alle 11 nello Spazio incontri si parlerà de Le produzioni lattiero casearie espressione del territorio della regione FVG: un percorso guidato di degustazione per conoscerle e valorizzarle, iniziativa svolta nell’ambito dei progetti di cooperazione transfrontaliera Made e Top Value. A cura di Ersa FVG, Università degli Studi di Udine e Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo.

Alle 17.30 la Presentazione del marchio di qualità dell’agroalimentare del FVG AQUA.

A seguire show cooking con i prodotti AQUA a cura di Emanuele Scarello, unico chef 2 stelle Michelin del Friuli Venezia Giulia e titolare del rinomato ristorante Agli Amici di Godia. A cura di Ersa FVG.

Sapori di Pro Loco 2017 © Foto Petrussi / Blue Foto

SPETTACOLI

Diverse le proposte che si alterneranno nell’Area spettacoli di Sapori Pro Loco.

Sabato 12 maggio

Alle 18.30 concerto di apertura Progetto Duetti della Scuola di musica Città di Codroipo.

Alle 20.30 diretta della trasmissione di Telefriuli Il Campanile del Sabato.

Alle 21 Gnot di Folclôr, Notte di Folklore, esibizione dei gruppi folkloristici del Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Settimana della Cultura Friulana 2018 organizzata dalla Società Filologica Friulana (evento a cura dell’Unione dei Gruppi Folcloristici del FVG).

Domenica 13 maggio

Alle 11 sarà il Gruppo Bandistico Armonie di Sedegliano, diretto dal maestro Fabrizio Fontanot (evento in collaborazione con ANBIMA FVG) ad allietare la cerimonia ufficiale di inaugurazione.

Alle 15 nell’aula riunioni della Barchessa di Levante di Villa Manin sfida letteraria in lingua friulana su racconti brevi (a cura della Società Filologica Friulana e in diretta su Radio Onde Furlane).

Dalle 15 sfilata Associazione Trieste 800 con figuranti in abiti storici che si esibiranno coinvolgendo il pubblico in giochi e balli d’epoca con esposizione di oggetti che nel 1800 venivano utilizzati in occasione di feste all’aria aperta. A cura di Associazione Trieste 800 in collaborazione con Emozione d’Autore di Eva Trinca.

Alle 21 omaggio al grande compositore brasiliano Antonio Carlos Jobim con l’Udine Jazz collective, ensamble Jazz del Conservatorio “J. Tomadini” di Udine a cura del maestro Glauco Venier e del maestro Alfonso Deidda.

Venerdì 18 maggio

Alle 21.30 concerto del gruppo di musica balcanica Radio Zastava, in collaborazione con Radio Onde Furlane

Sabato 19 maggio

Dalle 10 diretta radio dall’area festeggiamenti.

Alle 21.30 il cantautore Doro Gjat che presenterà in anteprima il suo nuovo album Orizzonti Verticali.

Domenica 20 maggio

Alle 20.30 Rhythm & Blues Band in concerto con tutto il repertorio di 30 anni di attività.

Alle 22.30 il grande spettacolo pirotecnico conclusivo L’Incendio di Villa Manin, a cura di Stabilimento Pirotecnico Friulveneto
INCONTRI

Oltre a quelli sull’agroalimentare con Ersa sopracitati, ci saranno anche altri interessanti momenti di approfondimento.

Sabato 19 maggio

Alle 17.30 nello Spazio Incontri doppio appuntamento con il settimanale Il Friuli sul No profit oggi in Friuli di Carlo Baldassi e un focus sul panorama regionale odierno e una visione del futuro del Friuli Venezia Giulia.

Alle 18.30 presentazione del Festival Conoscenza in festa, a cura dell’Università degli Studi di Udine in collaborazione con la Fondazione Friuli, il MIUR e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane.

644 Sapori di Pro Loco 2016. -® Foto Petrussi

MERCATINI

Domenica 13 e 20 maggio dall’alba al tramonto 

Per gli appassionati di antiquariato Mercatino del Doge. A cura di Pro Loco Passariano, Confcommercio Udine – Mandamento della Bassa Friulana, in collaborazione con FIVA e Consorzio Ambulanti FVG.

In piazza dei Dogi En Plein air in Villa, esposizione d’arte a cura del Circolo Culturale Artistico Quadrivium di Codroipo

VISITE GUIDATE

Sapori Pro Loco è anche scoperta del territorio.

Domenica 13 maggio

Alle 10.30 nel Parco delle Risorgive di Codroipo visita guidata a cura del Corpo forestale del FVG – Stazione di Coseano (gratuita ma su prenotazione scrivendo a info@prolocoregionefvg.org entro il 12 maggio).

Alle 12.30 visita guidata alla mostra in Esedra di Levante a Villa Manin Il colore delle Emozioni.

Venerdì 18 maggio

Alle 18 passeggiata con guida naturalistica nel secolare parco di Villa Manin a cura di AIGAE – Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche FVG (appuntamento all’Infopoint dell’Area festeggiamenti, partecipazione libera, prenotazione via mail a info@guidanaturalistica.it).
Alle 21 nell’area festeggiamenti serata di osservazione di pianeti e satelliti a cura del CAST – Circolo Astrofili di Talmassons (in caso di tempo non favorevole all’osservazione sarà posticipato al giorno successivo).

Domenica 20 maggio

Dalle 15 alle 19 apertura straordinaria delle chiesette campestri del Medio Friuli (Bertiolo, Gorizzo, Rosa, Codroipo). A cura di PIC – Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli.

Sempre lo stesso giorno anche le ville di Belgrado, Canussio, Flambro, Santa Marizza, Varmo aderiranno a Giardini aperti, a cura del Circolo di giardinaggio “Amici in giardino”.

STAND

Sei gli stand informativi che nell’area festeggiamenti potranno farvi conoscere tante eccellenze del Friuli Venezia Giulia:

Ersa-La Bottega dei prodotti AQUA (con anche vendita degli stessi);

Afds Udine – Fidas FVG con promozione attività e animazione per bambini;

Croce rossa italiana – Comitato di Udine promozione attività, animazioni per bambini, dimostrazione di manovre di disostruzione pediatrica e rianimazione cardio – polmonare anche in adulti;

Arlef Agenzia regionale per la Lingua friulana promozione delle attività e delle iniziative per la tutela e la valorizzazione della lingua friulana;

Pic – Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli promozione attività;

Viva forestali regionali FVG promozione attività.

MOSTRE E MUSEI

In contemporanea a Sapori Pro Loco Villa Manin e la Città di Codroipo propongono la visita di esposizioni e mostre.

In Villa nella Barchessa di Levante la mostra L’Atelier dei fiori, gli abiti di Capucci incontrano le immagini di Gardone e la mostra Il colore delle emozioni.

Visitabili inoltre la cappella di Sant’Andrea, la sala delle carrozze e quelle di Flora e della stufa nonché il Parco secolare.

In città aperto il Civico museo archeologico, a San Martino quello delle carrozze d’epoca e la mostra Occhi di Burtone.

Luoghi raggiungibili anche in bicicletta grazie al servizio noleggio della Pro Loco Passariano.

ORGANIZZATORI

Sapori Pro Loco è organizzato dal Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia ed è riconosciuta come Ecofesta per l’attenzione alle tematiche ambientali.

Gode del patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Città di Codroipo e Camera di Commercio di Udine.

Si svolge in collaborazione con Ersa (Agenzia regionale per lo sviluppo rurale), Fondazione Friuli e Patrimonio Culturale Friuli Venezia Giulia Villa Manin.

Main partner Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia – Banca Intesa.

Media partner Telefriuli e Il Friuli.

L’acqua è fornita da Dolomia, sorgente regionale dal cuore delle Dolomiti friulane.

Collaborazioni con Società Filologica Friulana, Anbima Fvg, Ugf Fvg, Italiana Chair District, Pic del Medio Friuli, Croce rossa italiana Comitato di Udine, Radio Onde furlane, Radio Punto Zero, Arlef, Imagazine, Servizio civile nazionale.

Partner tecnici: Ambiente Servizi, Art&Grafica, Autopiù, Birra Castello, Colombino&Polano, Flash, Friuli Antincendi, Friulana Gas, FullAgency, Illy caffè, Piemme, Sebach, Mondial Pol e Stabilimento pirotecnico FriulVeneto.

 

Concluso con successo Olio Capitale 2018

 

logo_OlioCapitale_cmyk

Si è conclusa la dodicesima edizione di Olio Capitale e Trieste si è riconfermata punto di incontro e di confronto per l’Italia olivicola.

Il Salone degli extravergini tipici e di qualità organizzato da Aries – Azienda Speciale della Camera di Commercio Venezia Giulia con la collaborazione dell’Associazione Città dell’Olio anche quest’anno ha mantenuto l’affluenza della scorsa edizione, con circa 12.000 visitatori tra pubblico generico e operatori professionali.

E’ aumentata però la presenza sia di visitatori professionali che di visitatori provenienti da fuori regione, con una più consistente presenza dall’Austria e dal Veneto.

L’importanza di investire sulla qualità e il valore della territorialità sono stati al centro della manifestazione specie nei momenti di approfondimento alternatisi lungo i quattro giorni di fiera. La valorizzazione dell’extravergine italiano, come prodotto complesso che racchiude anche la storia e la tradizione del suo territorio di produzione, è stata la chiave per contrastare il trend negativo che quest’ultimo anno ha interessato le esportazioni d’extravergine d’oliva italiano. “I dati Istat sugli scambi italiani con l’estero nei primi nove mesi del 2017 ci dicono che vi è stata una battuta d’arresto piuttosto sensibile delle esportazioni (-17%). – ha affermato Antonio Paoletti, presidente della Camera di Commercio Venezia Giulia – Ecco perché è ancor più importante insistere sul lavoro di valorizzazione di ciò che ci rende unici. L’eccellenza del made in Italy ha una storia da raccontare, ha cultura, oltre che alti standard qualitativi in senso stretto. Ed è qui che possiamo fare la differenza. Continuare a insistere sulla qualità, senza farsi abbagliare dalla via facile del prodotto qualitativamente povero e a basso costo”.

“Olio Capitale si è confermata un’occasione imperdibile per i produttori delle Città dell’olio che anche quest’anno hanno risposto con entusiasmo al nostro invito ad essere presenti a Trieste con le loro eccellenze. – ha dichiarato Enrico Lupi, presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio – In questa dodicesima edizione abbiamo voluto mettere al centro un tema di straordinaria attualità: il legame tra prodotto e territorio, parlando di paesaggio olivicolo come valore identitario che “certifica” il prodotto e permette anche alle piccole aziende di trovare il proprio spazio sul mercato internazionale puntando non solo sulla qualità ma anche sulla bellezza e la ricchezza del paesaggio di cui il prodotto è espressione”.

La conferma che Olio Capitale è stata una vetrina di tutta l’Italia olivicola, in cui la territorialità e anche le piccole produzioni di qualità hanno trovato la propria visibilità mondiale è arrivata da Yukari Yonehara, buyer giapponese che con la sua “Casa Angelina” porta a Tokio bontà agroalimentari italiane. “Stavamo cercando un prodotto ancora non conosciuto sul mercato giapponese che ha già familiarità con gli extravergini delle principali regioni produttivi italiane. Questa volta eravamo in cerca di un prodotto “originale”. Qui a Olio Capitale abbiamo scoperto che anche regioni “meno famose” producono un ottimo prodotto. Siamo rimasti molto colpiti.”

Oltre 280 le presenze quotidiane nella Scuola di Cucina che ha alternato showcooking proposti da top chef e da volti noti, grazie alla collaborazione della FIPE Trieste e ai laboratori “Sapori del Nostro Territorio” della Despar, oltre che del Consorzio di Tutela Vini del Collio che ha garantito un calice di ottimo vino abbinato ai piatti proposti.

Ottimi riscontri anche per il Concorso Olio Capitale, con 303 oli partecipanti, che quest’anno ha introdotto nuove menzioni speciali.

Il Concorso ha visto primeggiare gli oli sardi: il “Fruttato Fois” dell’”Accademia Olearia” si è aggiudicato il premio per il miglior fruttato leggero, ma è “Luna nera di Oliena” dell’Azienda Agricola Sebastiano Fadda il vero mattatore che oltre al premio per il miglior fruttato medio si è aggiudicato anche la menzione speciale della Giuria Ristoratori, quella della Giuria Popolare e per finire la Menzione Ex Albis Ulivis.

È andato, invece, oltreconfine, alla Slovenia, all’“Olio extravergine d’oliva Itrana” dell’azienda “Vanja Dujc” di Capodistria –Koper il premio per il miglior fruttato intenso. Il pugliese “Mimì Coratina” dell’Azienda Agricola Donato Conserva ha guadagnato il favore della Giuria degli Assaggiatori, vincendo la loro menzione, mentre al laziale “Colle Giglio” dell’Azienda Agricola Federico Marocca è andata la nuova menzione “Young” e  la menzione “Credit-Agricole-Friuladria” che ha dato merito al miglior extravergine del Nord-Est, “Le Creve Garda DOP” dell’azienda “Le Creve di Paolo Forelli”.

 

Olio Capitale 2018: gli appuntamenti di martedì 6 marzo

2.JPG

Martedì 6 marzo alla Stazione Marittima di Trieste –

Tanti e vari gli appuntamenti in programma per martedì 6 marzo, ultima giornata di Olio Capitale, il Salone degli extravergini tipici e di qualità che ha richiamato a Trieste 222 produttori da tutta Italia e da Grecia.

IL PROGRAMMA COMPLETO

DEGUSTAZIONI GUIDATE

OIL BAR SALA NORDIO
10.00-14.00 Degustazioni Guidate di tutti gli oli presenti in fiera a cura di esperti
assaggiatori di O.L.E.A

SCUOLA DI CUCINA 1° PIANO

Le dimostrazioni di cucina coinvolgeranno chef stellati, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi per scoprire i migliori abbinamenti tra oli e pietanze.
10.30 – 12.00 Scuole di cucina: dimostrazioni menù completo scuole alberghiere
Istituto – AD FORMANDUM presenta:
“Lasagne all’olio di carciofi in polvere con liquirizia”
Docente Giulio Giaiotti
Scuola alberghiera Civiform
Scuola alberghiera IAL
Chef de Cuisine: Francesca Mattiroli
Barman: Mario Frausin
“Il passato guarda al futuro” – Gallina sott’olio e i suoi sottoaceti
“Piccolo compendio della dolcezza” – Crema alla nocciola mantecata all’olio d’oliva e grissini all’olio d’oliva
Cocktail “Olio, amore e…”

 

Olio Capitale 2018: gli appuntamenti di lunedì 5 marzo

salone.JPG

Fino al 6 marzo alla Stazione Marittima di Trieste –

 

 

 

Tanti e vari gli appuntamenti in programma per lunedì 5 marzo, terza giornata di Olio Capitale, il Salone degli extravergini tipici e di qualità che ha richiamato a Trieste 222 produttori da tutta Italia e da Grecia.

IL PROGRAMMA COMPLETO

CONVEGNI

Sala Oceania AB

Ore 10.00 – 11.50 Convegno “Fake news e cibo: il caso dell’olio Extra Vergine d’oliva”
Lo scenario di produzione e consumo a livello internazionale, per non
dare numeri a caso
Alberto Grimelli
Gli oli extra vergini di oliva non sono tutti uguali, come scoprire le
differenze
Alberto Grimelli
Le bufale nel frantoio, deontologia e informazione per creare valore
Alfonso Dileva, giornalista
Marcello Scoccia
Cenni di degustazione, degustazione guidata 4 oli (difetto, intensità
leggero, medio, intenso)
Assaggiatore ONAOO
Piatto che scegli, olio che trovi
Emanuele Scarello, Chef 2 stelle Michelin

Magazzino 42 – OIL ROOM

Ore 11.00 – 12.00 L’assaggio dell’olio extravergine d’oliva per operatori di settore
Ore 15.30 – 16.30 “Olio extravergine mai più un costo ma un ottimo guadagno” a cura di Piero Palanti

DEGUSTAZIONI GUIDATE

OIL BAR SALA NORDIO

10.00-19.00 Degustazioni Guidate di tutti gli oli presenti in fiera a cura di esperti
assaggiatori di O.L.E.A

SCUOLA DI CUCINA 1° PIANO

Le dimostrazioni di cucina coinvolgeranno chef stellati, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi per scoprire i migliori abbinamenti tra oli e pietanze.
Ore 11.00 – 12.15 Pizza & Olio Tomas Kavcic (Prj Lojzetu Slovenia) “Omaggio a
Olio Capitale con pogaca. Monologo by Tomaz Kavcic con gin estratto dalle foglie di olivo.”
Ore 15.00 – 17.00 Olio senza confini
Gottfried Bachler (Ristorante Bachler Althofen, Austria)
“Salmerino con i gnocchi di formaggio fresco con evo. Agnello
& vitello servito con Knödel di patate e olio evo frutatto intenso”
Teo Fernitich (Ristorante Sanrocco di Verteneglio, Croazia)
“Coda de rospo e maionese leggera di olio d’oliva Istriano.
Crudo de canoce. Caramelle gommose – di olio d’oliva Istriano”
Lorenzo Cogo (Ristorante El Coq, Italia) “Pane e olio in dessert.
Spaghetto aglio e olio ( con nocciole e Sakè)”

Associazione Nazionale Donne dell’Olio Stand H 5

Ore 11.00 – 14.00 Suggestioni d’autore. Aperitivi all’olio d’oliva
Ore 12.00 – 13.00 I percorsi del gusto. Assaggi alla cieca non solo d’olio, destinati ad adulti e bambini
Ore 14.00 – 15.00 Giochi all’olio d’oliva, destinati ai bambini
Ore 17.00 – 18.00 La grande tombola dell’olivo e dell’olio. Gioco e premi. A cura
dell’Associazione Nazionale Donne dell’Olio e di Dialoghi fluidi
Ore 10.00 – 19.00 L’Olio in Mostra. Mostra dei disegni del Maestro Valerio Marini

Olio Capitale 2018: gli appuntamenti di domenica 4 marzo

parovel

Fino al 6 marzo alla Stazione Marittima di Trieste –

Grande affluenza di visitatori, oggi, per scoprire gli extravergini d’oliva provenienti da tutta l’Italia olivicola. La domenica di Olio Capitale, il salone degli extravergini tipici e di qualità di Trieste, si è aperto quest’oggi con il Quinto Forum della Commanderie des Cordons Bleus de France. Il Forum ha ripercorso la storia dell’olivicoltura triestina, si è discusso di come l’EVO possa entrare nella pasticceria d’autore, assieme a Giovanna Fonda, e per finire Stefano Cosma ha presentato il Collio non solo come una terra di vini, ma anche come una terra d’olio.

Se furono addirittura i fenici a introdurre l’olivicoltura nel territorio di Trieste -e un’antica macina di epoca romana a Bagnoli testimonia questa lunga storia – è nel 1985 che un gruppo di determinati coltivatori locali, tra cui i Parovel che festeggiano quest’anno i 120 anni dell’azienda, decisero di darvi nuovo impulso. Un impianto intensivo di 4000 piante fu possibile grazie al Comune di San Dorligo della Valle e all’Ersa. Ma quell’anno vi fu una terribile gelata che vanificò totalmente il lavoro. “Caparbiamente le abbiamo reimpiantate: abbiamo messo a dimora leccino, maurino, frantoio… varie specie tipiche italiane, perché all’epoca la bianchera non si riproduceva. Poi finalmente la bianchera. E ad oggi San Dorligo della Valle rimane il cuore della produzione del Friuli Venezia Giulia” racconta Elena Parovel. “Una parte importante del nostro lavoro oggi è rivolto alla promozione e al raccontare nel modo corretto questo prodotto. Molto è cambiato. Basta vedere qui in fiera a Olio Capitale che grande cambiamento e passo avanti è stato fatto in questi dodici anni”.

Tanti e vari gli appuntamenti in programma per oggi, domenica 4 marzo, seconda giornata di Olio Capitale, il Salone degli extravergini tipici e di qualità che ha richiamato a Trieste 222 produttori da tutta Italia e da Grecia.

Cosa bolle in pentola? Fabrizio Nonis – El Beker arriva nella Scuola di Cucina da “La prova del Cuoco” di Raiuno. A partire dalle ore 11.00 proporrà due sue ricette, rigorosamente a base della sua materia prima preferita, la carne. Così lo chef: “Domani proporrò uno speciale showcooking dove spiegherò come scegliere l’olio che più si addice alle tipologie di carne. Saper abbinare l’olio adatto è molto importante, significa esaltarne il sapore e arricchirne il gusto.”

All’Oil Bar per tutta la giornata proseguiranno i mini-corsi di assaggio aperti a tutti, tenuti dagli assaggiatori OLEA, mentre sul fronte degli approfondimenti, sarà il turno dell’alta gastronomia con il Quinto Forum dei Cordons Bleus de France – sezione Italiana dedicato all’EVO. Quest’anno Trieste e la sua olivicoltura saranno al centro dell’incontro anche per valorizzare l’importante anniversario dell’azienda Parovel che è parte integrante della storia olearia della nostra provincia. Infine le curiosità proposte dall’Associazione Donne dell’olio con consigli di bellezza, assaggi alla cieca, sapone all’extravergine d’oliva e giochi per bambini.

Olio Capitale è organizzato da Aries – Azienda Speciale Camera di Commercio Venezia Giulia con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio.

L’appuntamento dei Cordon Bleus de France
La Commanderie des Cordons Bleus de France Italiana del Friuli Venezia Giulia propone alle ore 10 il suo quinto Forum di formazione di alta cultura gastronomica sul tema “Olio EVO e Non Solo”, aperto a tutti gli interessati.
Il Forum 2018 presenterà la storia dell’olivicoltura a Trieste e nel Collio, il ruolo dell’olio EVO nella cucina stellata e nella cioccolateria d’autore e l’abbinamento di olio e vino nelle ricette gourmet e di tradizione.
Questi argomenti saranno presentati da Elena Parovel, gestore assieme al fratello Euro della storica azienda agricola Parovel di San Dorligo, Piero Zanini, stella Michelin della celebre Taverna di Colloredo di Monte Albano, Giuliana Fonda, imprenditrice triestina del cioccolato d’autore a Brescia, e Stefano Cosma, esperto di enogastronomia e comunicazione del settore. Al termine una tavola rotonda con il Presidente Nazionale della Commanderie, Toni Sarcina. Il Delegato Regionale della Commanderie, Giorgio Sedmak chiuderà infine il Forum.

IL PROGRAMMA COMPLETO DI OGGI

CONVEGNI

Sala Oceania AB
Ore 10.15 – 12.30 Forum Cordons Bleus 2018 “5° FORUM DI FORMAZIONE Olio
EVO e Non Solo”
Indirizzo di saluto
G.Sedmak, T.Sarcina
L’Olivicoltura a Trieste
Elena Parovel
Olio EVO e Cucina Stellata
Piero Zanini
Olio EVO e Cioccolato
Olio EVO e Vini del Collio
Tavola Rotonda Moderatore T.Sarcina

Magazzino 42- OIL ROOM
Ore 11.00 -12.00 “La bellezza dell’olio. ”
A cura di Marilù Surico – Associazione Nazionale Donne dell’Olio
Ore 15.00 -16.00 L’assaggio dell’olio extravergine d’oliva. Tre Regioni a confronto
Calabria, Puglia, Sicilia
Ore 17.00 – 17.45 ” EVO SOAP”
A cura di Marilù Surico – Associazione Nazionale Donne dell’Olio

DEGUSTAZIONI GUIDATE

OIL BAR SALA NORDIO
10.00 -19.00 Degustazioni Guidate di tutti gli oli presenti in fiera a cura di esperti
assaggiatori di O.L.E.A

SCUOLA DI CUCINA 1° PIANO

Le dimostrazioni di cucina coinvolgeranno chef stellati, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi per scoprire i migliori abbinamenti tra oli e pietanze.
Ore 11.00 – 12.15 Fabrizio Nonis Il Beker – “Macarons di carne e olio. Sfilacci, pane e olio”
Ore 12.30 – 14.00 Sapori del nostro Territorio a cura di Despar
Ore 14.15 – 14.50 Barman Damiano Pellaschiar – Bar Urbanis – cocktail
“bruschetta in <B>” con olio EVO timbro istriano

Ore 14.50 – 15.00 Presentazione vincitore concorso “Le Teresiane”
Ore 15.00 – 15.45 Barman Matteo Pizzolini – Antico caffè Torinese – cocktail “Km Øil”
Ore 16.00 – 17.30 Sapori del nostro Territorio a cura di Despar

Associazione Nazionale Donne dell’Olio Stand H 5

Ore 11.00 – 14.00 Suggestioni d’autore. Aperitivi all’olio d’oliva
Ore 12.00 – 13.00 I percorsi del gusto. Assaggi alla cieca non solo d’olio, destinati ad adulti e bambini

Ore 14.00 – 15.00 Giochi all’olio d’oliva, destinati ai bambini
Ore 17.00 – 18.00 La grande tombola dell’olivo e dell’olio. Gioco e premi. A cura
dell’Associazione Nazionale Donne dell’Olio e di Dialoghi fluidi
Ore 10.00 – 19.00 L’Olio in Mostra. Mostra dei disegni del Maestro Valerio Marini

LUNEDI’ 5 MARZO

Tra gli appuntamenti di domani, lunedì 5 marzo, spicca l’approfondimento dedicato ai ristoratori, alle 15.30 all’Oil Bar “Olio extravergine mai più un costo, ma un ottimo guadagno” a cura di Piero Palanti. L’obiettivo è insegnare a proporre l’olio extravergine come qualsiasi altro prodotto e non considerarlo più un mero strumento di cottura, esaltandone il lato edonistico per valorizzarlo e adoperarlo nella propria proposta ristorativa in modo remunerativo.
Piero Zanini, chef 1 stella Michelin della Taverna di Colloredo, spiega: “Purtroppo c’è moltissima ignoranza sull’olio e noi, ristoratori, abbiamo la nostra parte di responsabilità. Siamo i primi a considerare l’olio un complemento e non un vero ingrediente. Eppure, è anche l’olio a distinguere un piatto qualsiasi da uno stellato. Noi ristoratori dobbiamo aver voglia di acculturarci, di scoprire le varie cultivar, le varietà regionali per poi poter raccontare ai nostri ospiti come si ritrovino poi nel piatto”.

La Strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia apre alle nuove adesioni per il 2018

di Eva Trinca

 

SVS

Riaprono le adesioni per il 2018 alla “Strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia“, l’accattivante progetto coordinato da PromoTurismoFVG che raccoglie in un unico abbraccio tutte le peculiarità enogastronomicoturistiche  che la nostra variegata regione può offrire.

Dalla montagna ai fiumi, dai colli alla pianura, dal Carso alla riviera ma soprattutto “DA NOI”.

_MG_5957

Foto Paolo Da Pozzo

“DA NOI” perché il più delle volte il turista enogastronomico viene a trovarci nelle nostre “case”, nel nostro piccolo “regno”, siede alla nostra tavola, visita le nostre cantine e soprattutto degusta i vini che vengono prodotti dalle nostre uve ed i prodotti tipici che il nostro territorio offre.

IMG-20180131-WA0004

Dicevamo un progetto accattivante: a partire dal logo (una bottiglia legata ad un filo continuo che si trasforma in un intrinseco ma infinito percorso di itinerari) per proseguire con la preziosa, pratica e minuziosa guida all’accoglienza che è appunto suddivisa per itinerari “DA NOI IN MONTAGNA, DA NOI SUI COLLI, DA NOI SUL FIUME, DA NOI IN PIANURA, DA NOI SUL CARSO, DA NOI IN RIVIERA” e propone una breve presentazione fotografica di ciascun itinerario per proseguire le strutture divise per categorie Wine&spirits, Taste per la parte ristorativa e Food&co per quella di produzione, ciascuna composta da una scheda  dove si possono trovare tutti i contatti ed una dettagliata descrizione oltre ad uno spazio dove poter appuntare i propri commenti relativi alla struttura stessa. La guida è composta da 200 pagine per circa 200 realtà e verrà distribuita gratuitamente negli infopoint di PromoTurismoFVG e nei locali aderenti.

home

Nulla è infine lasciato al caso per quanto riguarda il punto di forza di questo progetto: il sito web www.tastefvg.it che si apre immediatamente con un suggestivo video di forte impatto che non lascia dubbi ed è un invito (quasi impossibile da declinare) a “provare” i vini ed i sapori del Friuli Venezia Giulia offrendo la possibilità al gastronauta di trovare tutte le informazioni necessarie per creare il proprio itinerario enogatronomico personalizzato e di visionare gli orari di apertura aggiornati in tempo reale delle cantine vitivinicole per prenotare le visite guidate.Cattura

 

itinerari

Si è appena conclusa un’intensa settimana di presentazioni (che ha toccato Gemona del Friuli per la montagna, Fagagna per i colli, Zoppola per il fiume, Aquileia per la riviera, Sgonico per il Carso e Corno di Rosazzo per i colli) per far conoscere i dettagli del progetto della Strada del Vino e dei Sapori del FVG e per aprire a nuovi aderenti, cui hanno dimostrato il loro interesse ben 200 operatori del settore enogastronomico.

IMG-20180131-WA0000
La Strada del Vino e dei Sapori è un progetto nato nel 2017 che mira a creare un sistema integrato che unisce la produzione vitivinicola e agroalimentare d’eccellenza e con alti standard di accoglienza alle risorse culturali e ambientali della regione, per arrivare a un itinerario turistico enogastronomico completo, omogeneo e fruibile dai turisti.

Dopo la prima parte del progetto che lo scorso anno ha dato la possibilità di adesione a una parte degli operatori food&wine della regione, ha preso il via in questi giorni l’ampliamento delle categorie: da quest’anno, infatti, oltre ad aziende vitivinicole, aziende agricole, strutture di ristorazione (ristoranti, trattorie, osterie, agriturismo) sono invitati ad aderire alla rete anche enoteche e gastronomie.

Il Friuli Venezia Giulia è la prima regione d’Italia a emanare una legge (la numero 22 del 2015) con lo scopo di mettere in rete in modo coordinato, competitivo e non frammentario il turismo regionale legato al mondo del vino e dell’agroalimentare, in linea con la domanda del mercato turistico.

 

 

 

 

Bollicine sul Carso trasloca in città e questa volta lo fa nel cuore di Trieste

 

 

Copia di IMG_1432

Sabato 17 giugno 2017 – Trieste, Stazione Marittima – 

Si terrà nella splendida cornice della Stazione Marittima di Trieste, direttamente affacciati sul mare, la terza edizione di Bollicine sul Carso, la frizzante manifestazione che porta anche quest’anno in città una vasta rassegna di “bollicine” appunto da Italia, Slovenia e Croazia.

La manifestazione enologica focalizzata sulla produzione di vino mosso si svolgerà sabato 17 giugno dalle ore 11 fino alle 23.

Bollicine sul Carso è un evento dedicato prettamente al settore della ristorazione, alberghiero e vinicolo, nato con l’obiettivo di offrire l’opportunità alle aziende partecipanti di promuovere il proprio marchio e sviluppare una rete di nuovi potenziali clienti.

bollicine 2
L’evento rappresenta un’occasione di confronto tra le aziende, non solo tra le cantine presenti, ma anche con gli sponsor e i professionisti del settore che parteciperanno.

Le “bollicine”, denominazione oramai entrata nella vulgata, che saranno offerte in degustazione, saranno di tutti i tipi di produzione: metodo Classico, Martinotti-Charmat, Champenoise e quello Ancestrale.

Protagonisti di questa terza edizione, gli oltre 40 produttori provenienti da alcune regioni italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia), dalla Slovenia (Brda, Vipava, Kras) e dalla Croazia (Istria).

Vi sarà, pertanto, la possibilità, per esperti e appassionati, di avvicinarsi e approfondire una particolare declinazione del mondo vinicolo, recentemente sempre più in ascesa complice il fenomeno, ormai non più fenomeno, della Glera in versione mossa, che prende nome dalla località carsica di Prosecco.

Il progetto è nato nel 2015 dalla volontà e passione dell’azienda Barone d.o.o., affermata nel mondo della ristorazione, in collaborazione con il vicepresidente dell’AIS FVG, Roberto Filipaz.

Visto il successo della manifestazione nei primi anni, l’edizione 2017 si presenta con una squadra allargata. A supportarne l’organizzazione ci sarà Enea Savini della Pizzeria Pam Pam di Aurisina e Linda Simeone (Le vie delle Foto) che si occuperà della comunicazione e della gestione degli eventi.

Nel corso della giornata ci saranno delle retrospettive offerte dal Sommelier Roberto Filipaz, che permetteranno ai visitatori di conoscere meglio alcuni vini.

Ci saranno, inoltre, dei punti di ristoro, che offriranno l’opportunità di assaggiare i prodotti freschi artigianali del Pastificio Barone preparati dall’associazione Cuochi Trieste, la “Scrocchiarella” preparata da Enea Savini della Pizzeria Pam Pam e piatti preparati da Dario Varisco del ristorante Dama Bianca.3

Torna Bollicine sul Carso e Sistiana diventa per un giorno paradiso frizzante dei viticoltori

volantino Bollicine sul Carso

Sistiana (Trieste) 30 maggio 2016 –

Tutto è pronto per la seconda edizione de Le Bollicine sul Carso organizzato dal pastificio Barone in collaborazione con Roberto Filipaz di AIS FVG, che quest’anno si terrà in una location veramente incantevole che dall’alto delle falesie domina tutta la baia di Sistiana, con un panorama splendido che si apre alla vista sul mare da Pirano (Istria, Slovenia) a Grado (Italia).

L’evento si terrà lunedì 30 Maggio 2016 presso il centro di Promozione Territoriale di Sistiana, 56B (ex AIAT) a partire dalle ore 11.00.

boll2

Dopo il successo del 2015, numerosissimi sono stati i produttori interessati a partecipare alla seconda edizione.

Nello spazio adibito ad esposizione ben 36 viticoltori da Italia, Slovenia e Croazia vi faranno degustare le loro pregiate bollicine.

Si inizia alle ore 11.00 con i saluti di rito ed il benvenuto da parte dell’amministrazione comunale di Duino Aurisina per proseguire con il convegno  “METODO CLASSICO: LA SCELTA DEI CULTIVAR”.

ais
Moderatore dell’incontro sarà l’architetto Roberto Filipaz, Delegato dell’AIS FVG; interverranno l’enologo Gianni Menotti e l’estetologo Stelio Smotlak.
Nel pomeriggio sono previsti 3 incontri di degustazione guidata di circa 18 vini frizzanti (sei per ogni incontro) con i sommelier dell’AIS rispettivamente alle 15:30, 17:30 e 19:00.

boll3

Queste le cantine presenti:

Castelvecchio (Sagrado,GO – Italia)
Castelbrut (bianco)
Castelrosè (Rosato)

Bajta (Sales, TS – Italia)
Terraroza (bianco) – metodo classico

Bole (Piscanci, TS – Italia)
Malvasia 2015 – metodo Charmat
Vitovska 2015 – metodo Charmat

Casa Belfi (San Polo di Piave, TV – Italia)
Colfondo Prosecco bio doc – rifer. in bottiglia

Casa Caterina (Monticelli Brusati, BS – Italia)
Brut Rosè Saignèe
Brut Rosè Saignèe – Pinot Noir

Castello di Stefanago (Oltrepò Pavese – Italia)
Ancestrale Pinot Nero – metodo Classico VSQ
Ancestrale Rose’ – metodo Classico VSQ

Clarabella Soc. Coop. Agr. Onlus (Iseo – BS – Italia)
Brut DOCG S.A. – metodo classico

Cantina Odoni (Trieste – Italia)
Vitovska spumantizzata – metodo Charmat

Az. Agr Pernarcich Paolo (Medeazza, (TS) Italia)
Meduit

Az. Gervasi (Nimis, UD – Italia)
Spumante Demi Sec – metodo Martinotti / Charmat

P. Bacco dei Quaroni (Costamontefedele – Italia)
Spumante Pinot Nero Rosè P.B.Q. – metodo classico
Bonarda “Mons Acutus” – Croatina 90%, Barbera 10%

Piedimont (Gorizia, Italia)
Spumante 2011 – metodo classico

Soc. Agr. Randi S.S. (Fusignano, RA – Italia)
Burson Rosato Brut – metodo Charmat

Rodaro Paolo Winery (Spessa, UD – Italia)
Brut Nature di Paolo Rodaro – metodo classico

Az. Agr. Sancin (Montedoro, TS – Italia)
Spumante Brut White 2015 – Martinotti lungo

Tenuta di Blasig (Ronchi dei Legionari, GO – Italia)
Elisabetta Brut – metodo Charmat (60 giorni)

Varaschin Spumanti (Valdobbiadene, TV – Italia)
Prosecco Superiore Extra Dry DOCG
Prosecco Superiore Brut DOCG

Carga 1767 (Goriska Brda, Slovenija)
Donna Regina Brut Nature 2008 – klasicna penina
Donna Regina Rose’ 2010 – klasicna penina

Colja (Vipavska dolina, Slovenija)
Penina Carmi (belo) – klasicna metoda

Emeran Reya (Goriska Brda, Slovenija)
Brut Natur – klasicna metoda
Rose’ Extra Dry – klasicna metoda

Istenic (Bizeljsko, Slovenija)
No.1 Prestige extra Brut 2011 – klasicna metoda

Keltis (Bizeljsko, Juzna Stajerska – Slovenija)
Mario Rosè 2014 – klasicna metoda
Mario Brut 2014 – klasicna metoda

Klenar (Slovenska Istra, Slovenija)
KlenArt bela Extra Brut – klasicna metoda

Klet Brda (Brda, Slovenija)
Pene a Rebula – metoda Charmat

Vina Kobal (Kras, Slovenija)
Teranova penina – klasicna metoda

Vina Kras (Kras, Slovenija)
Marmorna Penina – metodo Charmat

Az. Medot (Dobrovo v Brdih, Slovenije)
Medot Brut 48 – klasicna metoda

Posestvo Berce (Berce, Slovenije)
Penina iz Zelena – klasicna metoda

Vinarstvo Rebula (Kras, Slovenija)
Brstovska Penina Malvazija – klasicna metoda
Brstovska Penina Vitovska – klasicna metoda

Sanabor (Stanjel, Slovenija)
Malvazija Extra Brut 2010 – klasicna metoda

Stoka (Kras, Slovenija)
Teranova penina Prima – klasicna metoda
Rose’ penina Prima – klasicna metoda

Vina Cattunar (Verteneglio, Hrvatska)
Malvazija istarska – Charmat method

Clai (Buje, Hrvatska)
Pjenusavo vino Extra Brut Nature 2013 – klasicna metoda

Franc Arman (Visinada, Hrvatska)
Malvazija Brut perla bianca – Charmat metoda

Prelac (Momjan, Hrvatska)
Blanc & Noir Brut

Puhelek Purek (Sveti Ivan Zelina, Hrvatska)
Kraljca – klasicna metoda

Veralda (Vipavska dolina, Hrvatska)
Rose’ Refosco Brut 2012 – klasicna metoda

Sarà un’opportunità per conoscere sia prodotti che produttori sia del settore vinicolo che di quello gastronomico.

Gli abbinamenti gastronomici

baroneNel corso della degustazione, verranno serviti gustosi e prelibati abbinamenti con i prodotti artigianali del Pastificio Barone rivisitati con simpatiche e golose ricette dagli chef:
– Dario Varisco (Ristorante “Alla Dama Bianca”, via Duino 61c, Duino TS – Italia)
– Bruno Tirel (Ristorante Ostaria Bepi Meo, via Romana 46, San Canzian d‘Isonzo GO – Italia)
– Pavel Marc (Ristorante La Posta di Sherwood, via Igo Gruden 56, Basovizza TS – Italia)
– Enea Savini (Pizzeria Pam Pam, Loc. Aurisina 168, Aurisina TS – Italia)

Si potranno inoltre assaggiare i formaggi della Fattoria Vidali, la oramai mitica “Bajtadella”, la mortadella dell’ Az. Agr Bajta e la scrocchiarella preparata da Enea Savini.

Il prezzo di partecipazione è di 15 Euro ad entrata + 5 Euro di cauzione al bicchiere.

radio city

La colonna sonora della giornata sarà affidata alla musica dell’emittente web Radio City Trieste.

 

 

Per info e prenotazioni scrivere a info@barone.si

Per visualizzare il catalogo, potete andare a questo link

Sponsor & Partner dell’evento:

Associazione Cuochi Trieste
AIS FVG Associazione Italiana Sommelier
Barone d.o.o. Pastificio Artigianale
BFLAB Formazione e Servizi
Borsa Trieste
Bro & Sis
Burn Art Production
Comune di Duino Aurisina
Consorzio Promo Trieste
Dominacrystals
Gruppo Ermada
Easy Ice
Emozione d’Autore
Lions Club Duino Aurisina
La Voglia Matta
Le vie delle foto
RadioCity Trieste
Q.B. quantobasta
Roby Pek
Sloncek
Surgiva
Vidali Fattoria

PROGRAM – Bubbles in the Karst 2016

The event on May 30 2016 will begin at 11.00 with the seminar, entitled “KLASIČNA METODA: IZBIRA SORT” (THE CLASSIC METHOD: CHOOSING THE VARIETIES).

The seminar will be carried out by the Chairman of the Board of AIS FJK, the architect Roberto Filipaz.

Some of the speakers will also include the enologist Gianni Menotti and the esthetologist Stelio Smotlak. We will also be greeted by a representative of the Municipality of Duino.
The program includes three guided tastings by AIS,
beginning at 15.30, 17.30 and 19.00 respectively. Each tasting will showcase products by five different manufacturers: we are now collecting applications for everyone interested.

The event will be held on the terrace of the “ex AIAT Sistiana” building (now Centro di Promozione Territoriale di Sistiana) at the top of the cliff, offering a magnificent view of the Bay of Sistiana and the beautiful landscape, which offers a view of the sea from Piran (Slovenian Istria) to Grado (Italy).

 

PROGRAM MJEHURIĆI NA KRASU 2016

Manifestacija će početi u 11 sati u ponedjeljak, 30. svibnja s debatom KLASIČNE METODE: IZBOR SORTI.

Debatu će voditi predsjednik uprave AIS FJK, arhitekt Roberto Filipaz.Među govornicima će biti i enolog Gianni Menotti, estetolog Stelio Smotlak i također će nas pozdravit predstavnik županije Devin.Tjekom dana program također nudi tri vođene degustacije sa strane AIS, koje će se održati u 15: 30h, 17: 30h i 19: 00h .

U svakoj degustaciji će sudjelovati pet različitih proizvođača: zainteresirani se možete već prijaviti.Manifestacija će se održati na terasi zgrade “ex AIAT Sistiana” na vrhu litice, nudeći veličanstven pogled na zaljev Sistiana i prekrasnu panoramu s pogledom na more iz Pirana (Slovenska Istra) u Grado (Italija).

 

PROGRAM MEHURČKI NA KRASU 2016

Dogodek se bo začel ob 11. uri v ponedeljek, 30. maja z razpravo KLASIČNA METODA: IZBIRA SORT

Razpravo bo vodil predsednik uprave AIS FJK, arhitekt Roberto Filipaz.Med govorniki bodo tudi enolog Gianni Menotti ,estetolog Stelio Smotlak in pozdravil nas bo tudi predstavnik Mestne občine Devin.

Na programu so predvidene tri vodene degustacije s strani AIS,
ob 15:30h , 17:30h in 19:00h .Vsake degustacije se bo udeležilo po 5 različnih proizvajalcev: zbiramo prijave zainteresiranih.

Dogodek bo potekal na terasi stavbe “ex AIAT Sistiana”, na vrhu pečine,ki ponuja čudoviti pogled na Sesljanski zaliv in čudovito panoramo, ki ponuja pogled na morje iz Pirana (Slovenska Istra) do Gradeža (Italija).