ESTATE 2017 a Trieste: in Piazza dell’Unità arriva la CENA SOTTO LE STELLE

Mercoledì 26 luglio 2017, ore 20.30 –

(in caso di maltempo la cena verrà rinviata al mercoledì successivo)

19959352_1452582134798449_3545607673582378817_n

L’Associazione Cuochi Trieste in collaborazione con il Comune di Trieste organizza per Mercoledì 26 Luglio 2017 alle ore 20.30 in Piazza dell’Unità d’Italia a Trieste “CENA SOTTO LE STELLE” un evento unico nel suo genere per la città di Trieste per trascorrere una serata veramente indimenticabile ospitata in una location da “urlo”: la piazza più bella d’Europa. Impossibile non esserci!

La serata avrà anche un risvolto benefico: parte del ricavato infatti verrà devoluto all’Ospedale Infantile Burlo Garofolo e alla Fondazione Luchetta.

Il menù  della serata è stato realizzato dai cuochi dell’associazione triestina che nasce nel 2013 e che in questi quattro anni è stata sempre molto attiva sul territorio e prevede: una stratificazione di Melanzana Viola, Alice Barcolana, Jamar del Carso e bianchera aromatizzata al Basilico come antipasto ed una sfoglia all’uovo con farina di grani antichi e canoce di mare come primo piatto. Il secondo piatto consiste in una “Sorpresa del Golfo” con Crumble del Carso e Insalatina croccante alla Triestina su Crema di Indivia. Il tutto ovviamente abbinato ai vini del territorio regionale e più precisamente di Angoris.

Per rendere la serata veramente indimenticabile, è prevista la realizzazione di un dessert da Guinnes: verrà infatti realizzata la Crema Carsolina più lunga del mondo con ben 25 metri di sfoglia e di crema… una vera estasi anche per i meno golosi!

 

Il costo della cena – veramente irrisorio se si considera la location e lo scopo benefico – comprensivo di degustazione vini è di euro 70,00

Per motivi organizzativi, NON sarà possibile accedere alla piazza senza avere effettuato la prenotazione ed il pagamento anticipati.

Per informazioni e prenotazioni potete contattare il numero 338 6076900 oppure inviare una mail a atctrieste@gmail.com oppure rivolgervi al gazebo dell’Associazione Cuochi in Piazza della Borsa.
20121402_1456698831053446_8778914963536013557_o

Premio Luchetta 2017: I Nostri Angeli su Raiuno venerdì 7 luglio in seconda serata

 

Venerdì 7 luglio – Raiuno in seconda serata –

 

Andrà in onda dal Politeama Rossetti di Trieste venerdì 7 luglio “I Nostri Angeli”, la serata clou del Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta. Condotta da Alessio Zucchini, i protagonisti della serata saranno innanzitutto i vincitori della 14^ edizione del Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta: Lyse Doucet, reporter di BBC News con una emozionante storia dalla Siria, Valerio Cataldi di Rai – TG2 Dossier che racconta il viaggio di Aziz, un bimbo afghano respinto 5 volte ai confini d’Europa; Tom Parry del Daily Mirror sulla Somalia assetata, in preda alla peggiore siccità degli ultimi 50 anni. E Laura Silvia Battaglia di Left Magazine, con un reportage sui bambini yemeniti, costretti a fare il soldato e vittima di sfruttamento sessuale. Khalil Ashawi, vincitore nella sezione fotografica e trattenuto in Turchia da un visto che non arriva, sarà rappresentato al premio Luchetta dal collega dell’agenzia Reuters Tony Gentile, il fotografo italiano noto per lo scatto che ritrae i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, immagine iconica dell’impegno antimafia.
Nella serata di attualità e informazione anche la colonna sonora sarà straordinaria: la firmeranno i cantautori Vinicio Capossela e Renzo Rubino. Capossela, artista fra i più amati sulla scena della canzone d’autore nazionale, farà tappa a Trieste nel mezzo del nuovo tour estivo e interpreterà il suo “Lettere di soldati”, Premio Amnesty International 2009. Renzo Rubino, talentuoso chansonnier classe 1988, è stato fra i protagonisti del Festival di Sanremo 2014 con il suo fortunato pezzo “Ora”, al Premio Luchetta proporrà “Ridere” e un omaggio a Lucio Dalla con la cover dell’intramontabile “Futura”. La regia del programma è affidata ad Andrea Apuzzo.
Sul palcoscenico de “I Nostri Angeli” ci saranno anche il giornalista Corrado Formigli, conduttore di Piazzapulita e vincitore del Premio Crédit Agricole Friuladria Testimoni della Storia 2017: interverrà sui temi del suo ultimo saggio “Il falso nemico. Perché non sconfiggiamo il califfato nero” (Rizzoli).

In scena anche il direttore dell’ANSA Luigi Contu, che riceverà dal portavoce Unicef Italia, Andrea Iacomini il Premio I Nostri Angeli per l’attività di sensibilizzazione sull’infanzia violata e minacciata nel mondo.

Un forte richiamo all’attualità arriverà dall’intervento della madre di Giulio Regeni, Paola, affiancata dall’avvocato Alessandra Ballerini, impegnata sul terreno dei diritti umani. Nel 2016 andava alla memoria di Giulio Regeni il Premio Speciale assegnato dalla Fondazione Luchetta: quest’anno ci ricorderanno che il caso attende ancora risposte determinanti, e che proprio per questo servono impegno e attenzione.

Legato all’attualità l’intervento del rappresentante Relazioni Internazionali della Comunità di Sant’Egidio, Giancarlo Penza, affiancato da Christiane Groeben in rappresentanza della Federazione Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese: nel corso de I Nostri Angeli riceveranno il Premio Speciale della Fondazione Luchetta per il progetto “Corridoi Umanitari: l’accoglienza oltre l’emergenza”, avviato a fine 2015 attraverso un Protocollo d’intesa della Comunità di Sant’Egidio con la Federazione delle Chiese Evangeliche e la Tavola Valdese. Corridoi umanitari significa modalità sicure attraverso le quali i rifugiati possono arrivare in Europa senza rischiare di morire nei viaggi della disperazione, al sicuro dalle organizzazioni criminali. Il progetto ha già portato in Italia 1.000 rifugiati siriani, accolti attraverso reti di ospitalità privata.

Nel corso della serata si annunceranno le nuove tratte aeree Libano – Francia ed Etiopia – Italia, operative dal prossimo autunno.

Trieste Estate 2017: Improbabili Amori al Castello di San Giusto

Chianciano 3507 rid.jpg

Giovedì 22 giugno 2017 ore 21.00, Castello di San Giusto a Trieste –

Si terrà giovedì 22 giugno alle con inizio alle ore 21, al Bastione Rotondo del Castello di San Giusto di Trieste, nell’ambito di Trieste Estate 2017 IMPROBABILI AMORI, spettacolo completamente improvvisato.
Gila Manetti ed Andrea Mitri interpretano due strampalati conferenzieri che dissertano sull’amore cercando di avvalorare ognuno la sua tesi con due differenti teorie, portando a sostegno delle loro tesi poesie, pezzi teatrali, scena da film, fiabe e altro.
Ad inizio serata gli spettatori scrivono su dei bigliettini una breve frase sull’amore, il loro nome e la loro professione. Questi spunti saranno il motore di ogni intervento degli studiosi, i quali potranno anche coinvolgere il pubblico a sostegno delle loro tesi.
Uno spettacolo prettamente comico, completamente improvvisato, che si ispira al mondo delle convention, dove per ore si parla del nulla, come se fosse la cosa più importante del mondo.
Lo spettacolo è ad ingresso libero.

 

 

Premio Hemingway 2017: a Lignano tutto è pronto per una settimana ricca di eventi

image1

Dal 14 al 21 luglio 2017 a Lignano Sabbiadoro –

Grande attesa per l’edizione 2017 del Premio Hemingway. Al via gli “Incontri del Premio Hemingway”, una settimana per ritrovare il fascino della ‘piccola Florida’ tanto amata dall’indimenticabile autore di “Addio alle armi”.

Fino al 21 giugno – da giovedì 15 con una preview cinematografica mercoledì 14 giugno – nella splendida location di Lignano Sabbiadoro si alterneranno letture, proiezioni e incontri d’autore nel segno di Ernest Hemingway: per il pubblico l’occasione di conoscere quattro straordinari protagonisti della letteratura, del pensiero e della fotografia. Sono infatti l’autrice britannica Zadie Smith per la Letteratura, il filosofo sloveno Slavoj Žižek per l’Avventura del pensiero, lo psicanalista Massimo Recalcati nella sezione Testimoni del nostro tempo e l’artista Nino Migliori per la Fotografia i vincitori del Premio Hemingway 2017, che propone un poker di incontri al Centro Congressi Kursaal.

Giovedi’ 15 giugno appuntamento con il fotografo Nino Migliori, che alle 18.30 sarà protagonista del dialogo con Italo Zannier. Un appuntamento in collaborazione con gli “Incontri con l’autore e con il vino” 2017 di Lignano Sabbiadoro.

Venerdì 16 giugno alle 18.30 l’imperdibile lezione dello psicanalista Massimo Recalcati, sul filo rosso del suo ultimo saggio Il segreto del figlio. Da Edipo al figlio ritrovato (Feltrinelli).

Sempre venerdì, alle 21, riflettori sul geniale filosofo Slavoj Žižek: il suo intervento sarà sul tema From surplus-value to surplus-enjoyment. Si tratta di una lezione dedicata al nuovo saggio di Zizek, “Il coraggio della disperazione”, in uscita giovedì 15 giugno per Ponte alle Grazie, in anteprima a Lignano per il pubblico del Premio Hemingway.

Sabato 17 giugno, alle 11 al Kursaal appuntamento con Zadie Smith, fresca autrice di Swing Time  (Mondadori), il nuovo romanzo di cui dialogherà con la giornalista Tiziana Lo Porto. Un’occasione preziosa per ascoltare in anteprima l’autrice intorno ai personaggi e ai leitmotiv della sua nuova opera, storia di un’amicizia e di una rivalità.

Il Premio Hemingway 2017 è  arricchito da un cartellone di letture e proiezioni legate ai temi e alla feconda personalità artistica di Ernest Hemingway.

Domenica 18 giugno alle 18, nella Chiesetta Di Santa Maria del Mare appuntamento con l’attore Fabiano Fantini per una selezione di letture dalle pagine più significative di Hemingway.

Mercoledì 14 e mercoledì 21 giugno alle 21, al Cinecity, si terranno le proiezioni a cura di Cinemazero: saranno proposti i film “Hemingway & Gellhorn” (2012), diretto da Philip Kaufman, storia dell’incontro fra lo scrittore e la giornalista Martha Gellhorn, e “Il vecchio e il mare”, di John Sturges (1958).

Sabato 17 giugno alle 18 sarà la giornalista Elsa Di Gati, volto di programmi storici della tv italiana da “Mi manda Raitre” a “Cominciamo bene”, a condurre la cerimonia di consegna del Premio Hemingway 2017.

L’evento è aperto al pubblico dietro prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Info http://www.premiohemingway.it

Promosso dal Comune di Lignano, il Premio Hemingway è realizzato con il sostegno degli Assessorati alla Cultura e alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso la consolidata collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge.it. La Giuria del Premio Hemingway, presieduta dallo scrittore Alberto Garlini, è composta da Gian Mario Villalta, Pierluigi Cappello e Italo Zannier, affiancati dal Sindaco di Lignano Luca Fanotto e dalla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani.

Bollicine sul Carso trasloca in città e questa volta lo fa nel cuore di Trieste

 

 

Copia di IMG_1432

Sabato 17 giugno 2017 – Trieste, Stazione Marittima – 

Si terrà nella splendida cornice della Stazione Marittima di Trieste, direttamente affacciati sul mare, la terza edizione di Bollicine sul Carso, la frizzante manifestazione che porta anche quest’anno in città una vasta rassegna di “bollicine” appunto da Italia, Slovenia e Croazia.

La manifestazione enologica focalizzata sulla produzione di vino mosso si svolgerà sabato 17 giugno dalle ore 11 fino alle 23.

Bollicine sul Carso è un evento dedicato prettamente al settore della ristorazione, alberghiero e vinicolo, nato con l’obiettivo di offrire l’opportunità alle aziende partecipanti di promuovere il proprio marchio e sviluppare una rete di nuovi potenziali clienti.

bollicine 2
L’evento rappresenta un’occasione di confronto tra le aziende, non solo tra le cantine presenti, ma anche con gli sponsor e i professionisti del settore che parteciperanno.

Le “bollicine”, denominazione oramai entrata nella vulgata, che saranno offerte in degustazione, saranno di tutti i tipi di produzione: metodo Classico, Martinotti-Charmat, Champenoise e quello Ancestrale.

Protagonisti di questa terza edizione, gli oltre 40 produttori provenienti da alcune regioni italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia), dalla Slovenia (Brda, Vipava, Kras) e dalla Croazia (Istria).

Vi sarà, pertanto, la possibilità, per esperti e appassionati, di avvicinarsi e approfondire una particolare declinazione del mondo vinicolo, recentemente sempre più in ascesa complice il fenomeno, ormai non più fenomeno, della Glera in versione mossa, che prende nome dalla località carsica di Prosecco.

Il progetto è nato nel 2015 dalla volontà e passione dell’azienda Barone d.o.o., affermata nel mondo della ristorazione, in collaborazione con il vicepresidente dell’AIS FVG, Roberto Filipaz.

Visto il successo della manifestazione nei primi anni, l’edizione 2017 si presenta con una squadra allargata. A supportarne l’organizzazione ci sarà Enea Savini della Pizzeria Pam Pam di Aurisina e Linda Simeone (Le vie delle Foto) che si occuperà della comunicazione e della gestione degli eventi.

Nel corso della giornata ci saranno delle retrospettive offerte dal Sommelier Roberto Filipaz, che permetteranno ai visitatori di conoscere meglio alcuni vini.

Ci saranno, inoltre, dei punti di ristoro, che offriranno l’opportunità di assaggiare i prodotti freschi artigianali del Pastificio Barone preparati dall’associazione Cuochi Trieste, la “Scrocchiarella” preparata da Enea Savini della Pizzeria Pam Pam e piatti preparati da Dario Varisco del ristorante Dama Bianca.3

Simone Di Luca si racconta “on air”a Put Your Feet Up su Radio City Trieste

 

Venerdì 17 marzo alle ore 14.30 -su http://www.radiocitytrieste.it

16938996_1358702487499056_1101628211939757952_n

Put Your Feet Up ospita questa settimana un grande amico: Simone Di Luca che vi regalerà 90 minuti di pura emozione in musica scelta rigorosamente da lui sull’unica web radio del ♥ Radio City Trieste (www.radiocitytrieste.it)

Un ospite speciale per una lunga chiacchierata insieme.
Parleremo di musica e fotografia, grandi eventi e concerti, ma viaggeremo “on air” anche nell’arte e nei luoghi della nostra bella Italia.
Non mancate! vi aspetto per raccontarvi Simone Di Luca, un personaggio molto carismatico e versatile che sarà in studio con me.
Un caleidoscopio di interessi che vi verranno svelati in un pomeriggio dedicato a lui e che faranno da anteprima ad un grandissimo appuntamento della sera: il concerto di Ligabue a Trieste.
Colonna sonora della trasmissione una speciale playlist scelta da lui  e quindi una vera sorpresa sia per me che per voi ascoltatori. Quello che vi garantisco è che sarà musica d’autore!
Ci potrete seguire dal computer di casa vostra in versione rigorosamente “Put Your Feet Up”, dai vostri cellulari e tablet ed anche attraverso il nuovissimo Facebook Player con il quale potete ascoltare la Radio DIRETTAMENTE da Facebook e quindi dalle Pagina Facebook: https://www.facebook.com/RadiocityTS/

Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1534052966836233/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’ora di tranquillità con Massimo Ghini al Rossetti di Trieste

_b3a0305

 

Dal giorno 8 al 12 febbraio 2017 al Rossetti di Trieste

 

Si apre con un piccolo omaggio al cinema, la bellissima ed esilarante commedia “Un’ora di tranquillità” del francese Florian Zeller, che Massimo Ghini – al suo debutto come regista – porta in scena nel ruolo del protagonista Michel e con un cast veramente interessante.

Lo spettacolo – già applaudito in tutta Italia da oltre 100 repliche – arriva a Trieste, al Politeama Rossetti per la stagione Prosa del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Titoli di testa e un video che informa il pubblico del breve antefatto da cui si avvia tutto il bailamme dello spettacolo. Parigi: Michel passeggia fra le bancarelle lungo la Senna e da un rigattiere scova miracolosamente un rarissimo vinile di jazz, sua assoluta passione. Dall’acquistarlo all’affrettarsi verso casa per ascoltarlo in santa pace, è questione di un attimo.

 

E qui entriamo a teatro… e nell’appartamento di Michel, che subito appare molto particolare; un’architettura ipermoderna e bianca colorata solo da un’ampia finestra con vista sulla Torre Eiffel, in cui per il povero Michel sarà impossibile riuscire a guadagnarsi quell’“ora di tranquillità” e solitudine in cui godere del suo prezioso disco.

 

Fin dalla soglia, infatti, lo investe uno tsunami di presenze, sorde ai suoi bisogni, invadenti, pasticcione… Così un idraulico finto polacco invece di riparare guasti combina una successione di guai, la moglie glamour lo assedia con la necessità di confessargli – proprio adesso! – una scappatella di vent’anni prima, e come se non bastasse irrompono uno dopo l’altro, con esigenze diverse, un vicino fastidioso, l’amico bello e traditore, il figlio metallaro telefonino-dipendente…
Ognuno rappresenta una differente sfumatura di quella schizofrenia, incomunicabilità, nevrosi del mondo moderno che ciascuno di noi sperimenta e che – a pensarci bene – rende sempre più difficile conquistare, nel quotidiano, un tempo “per sé stessi”.

Una pièce brillante, attuale, drammaturgicamente perfetta, giocata su equivoci, ritmi e battute divertenti, ma raffinatissime e molto ciniche, opera di un autore – Florian Zeller – che a meno di quarant’anni ha già meritato il Premio Molière per la sua scrittura (menzioniamo il romanzo “Il fascino del peggio” e per il teatro “Il padre” e “La verità”) e che a pieno titolo va ascritto fra quei francesi contemporanei, come Yasmina Reza ed Eric Emmanuel Schmitt, che sanno parlare incisivamente della realtà emozionando le platee.

Il meccanismo ineccepibile che Zeller costruisce in “Un’ora di tranquillità” richiede un lavoro precisissimo di regia e d’interpretazione: pretende attori capaci di calibrare al respiro battute dirompenti e sottile cattiveria, lasciando emergere fra le risate temi come il pregiudizio razziale, il rapporto genitori-figli, la fedeltà, la menzogna.

Massimo Ghini – forte della sua grande versatilità e di un’esperienza di teatro iniziata giovanissimo con maestri come Giorgio Strehler e Vittorio Gassman – li ha intrecciati in un amalgama armonioso di nomi di alta scuola teatrale come la ronconiana Galatea Ranzi, o di esperienza cinematografica ma al debutto sul palcoscenico come Massimo Ciavarro, e di rivelazioni come Claudio Bigagli, Marta Zoffoli, Luca Scapparone e Alessandro Giuggioli.

 

«La meravigliosa doppiezza dei protagonisti fa sì che qualunque opera riparatrice essi vogliano compiere, si trasformerà in tortura» spiega Massimo Ghini. «Il cinismo che pervade tutta la storia mi ha affascinato. Quando la mancanza di ipocrisia permette ad un autore di poter essere così diretto e spietatamente onesto, la risata arriva là dove tanta morale, tanta ipocrisia appunto, fa spesso danni irreparabili. Ridere continuando a descrivere la doppiezza della società che non parla e, se lo fa, mente, accettando tutti di essere protagonisti del nulla. Il testo è di Florian Zeller, uno dei talenti più affermati della nuova drammaturgia francese. I suoi testi sono rappresentati nei maggiori paesi d’Europa riscuotendo successo di critica e di pubblico. Un’ora di tranquillità è stata realizzata la scorsa stagione a Parigi diretta ed interpretata da Fabrice Lucchini con un successo travolgente, tanto da ottenere l’interesse di Patrice Leconte che ne ha fatto un film con Christian Claviert e Carol Bouquet, campione d’incassi».

“Un’ora di tranquillità” è una commedia di Florian Zeller diretta e interpretata da Massimo Ghini e con (in ordine alfabetico) Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, Alessandro Giuggioli, Galatea Ranzi, Luca Scapparone, Marta Zoffoli.

La scenografia è di Roberto Crea, firma i costumi Silvia Frattolillo, le luci sono di Marco Palmieri.
Lo spettacolo va in scena alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti da mercoledì 8 febbraio a sabato 11 alle ore 20.30 e domenica 12 febbraio in replica pomeridiana con inizio alle 16.

Per abbonamenti “con le stelle” e per i posti ancora disponibili ci si può rivolgere presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, i consueti circuiti o accedere attraverso il sito http://www.ilrossetti.it alla vendita on line. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.