Agriturismi e fattorie: il nuovo sito è online e mappa quasi 800 strutture

agriturismi 2

Il portale realizzato da PromoTurismoFVG in collaborazione con Ersa mette in rete a oggi 776 realtà su tutto il territorio regionale attraverso una cartografia interattiva per valorizzare l’anima agricola del Friuli Venezia Giulia.
Gli agriturismi e le fattorie didattiche e sociali del Friuli Venezia Giulia fanno squadra e si uniscono in una mappa interattiva per valorizzare l’anima rurale del territorio.

È online “Agriturismi&FattorieFVG”, il portale gestito da PromoTurismoFVG e realizzato in collaborazione con Ersa che si propone come nuovo strumento per conoscere la realtà agreste e l’offerta del territorio.

Uno strumento da consultare non solo per chi vive in regione, ma anche per gli opiti che fanno visita al Friuli Venezia Giulia, che hanno così l’opportunità di entrare in contatto con la natura e conoscere la genuinità di questa terra.

Una cartografia interattiva che mappa, a oggi, ma il numero è in continua evoluzione, ben 776 strutture su tutto il territorio regionale, con quasi 700 agriturismi (con e senza ricettività) e un altro centinaio di realtà tra fattorie didattiche e sociali suddivise nelle aree di Carnia, Cividale del Friuli, Valli del Natisone e Torre, Gemonese, Gorizia, Collio e Monfalcone, Grado, Aquileia e Palmanova, Lignano Sabbiadoro, Piancavallo e Dolomiti Friulane, Pordenone e dintorni, San Daniele e Friuli Collinare, Tarvisiano, Trieste e Carso e Udine e dintorni.

Dalla homepage del sito si può accedere alla sezione dedicata agli agriturismi e a quella delle fattorie, entrando nelle singole pagine che permettono di scegliere sulla mappa la zona e la struttura che si vuole visitare.

Tra turismo slow ed ecosostenibilità negli ultimi anni sempre più visitatori cercano e apprezzano gli angoli e gli aspetti più incontaminati dei territori, alla ricerca di ricchezze nascoste, a contatto con la natura e nel rispetto dell’ambiente.

Gli agriturismi, ma anche le fattorie, offrono un valore aggiunto in chiave turistica, trasmettendo lo stretto legame tra territorio ed eccellenze enogastronomiche, accanto a storia, cultura e tradizione dei luoghi in cui vengono prodotte.

Per questo motivo, PromoTurismoFVG ed Ersa hanno deciso di dare vita al portale, che semplifica la ricerca degli utenti e l’organizzazione di escursioni e viaggi. L’operazione rientra nelle attività di PromoTurismoFVG, che da gennaio di quest’anno ha preso in carico la gestione dell’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia – Ersa per quanto riguarda la parte relativa all’enogastronomia.

Rimane sempre attivo il sito Taste (www.tastefvg.it) di PromoTurismoFVG, dedicato al progetto della Strada del Vino e dei Sapori FVG che riunisce oltre 300 realtà tra aziende e produttori locali per un viaggio, attraverso sei itinerari, alla scoperta dei sapori e delle tradizioni artigianali della regione.

Tra i luoghi del gusto sono presenti alcuni agriturismi che aderiscono alla Strada e sono stati inseriti anche nel nuovo portale realizzato dall’ente regionale per la promozione turistica ed Ersa: un’occasione in più per valorizzare le produzioni locali del territorio.

Agriturismi per scoprire le produzioni locali

agriturismi 3

Il sistema agrituristico del Friuli Venezia Giulia è una realtà consolidata, ben integrata e strategica nella valorizzazione e presentazione dell’enogastronomia del territorio. Sempre nel rispetto delle tradizioni, negli ultimi anni si è aperto all’innovazione, proponendo un’offerta sempre più mirata ad accontentare i gusti dei visitatori e dei turisti, che scelgono questa tipologia di struttura per scoprire e apprezzare piccoli borghi e contrade e assaporarne le specialità agroalimentari.

Il territorio regionale, all’interno del sito, è stato ripartito in 12 grandi aree e all’interno di ciascuna il sito propone una serie di spunti per percorsi a tema paesaggistico, storico, culturale, ricreativo e turistico, sulla base di itinerari agevolmente percorribili ed esplorabili anche nell’arco di un’unica giornata.

Uno strumento per offrire una panoramica di quello che offre il territorio, ricco di stimoli culturali in grado da invogliare a visitare i luoghi descritti e riconoscere e apprezzare le specialità agroalimentari tradizionali.

Fattorie, imparare a contatto con il territorio

agriturismi

L’agricoltura come risorsa attiva per far conoscere a bambini e ragazzi le tradizioni del mondo rurale, la cultura, le attività di allevamento degli animali, l’origine e la coltivazione dei prodotti agricoli.

Con questo obiettivo sono nate le fattorie didattiche che anche in Friuli Venezia Giulia rappresentano uno stimolo a trasmettere alle nuove generazioni – e non solo – l’attenzione alla cura e al rispetto dell’ambiente e del terreno e l’uso intelligente delle risorse naturali disponibili.

Alle fattorie didattiche si affiancano le realtà che assumono anche un ruolo più sociale coinvolgendo persone con forme di disabilità o disagio attraverso servizi educativi e culturali di supporto a famiglie e istituzioni, per riprodurre un modello di economia sociale mirato a coniugare il profitto dell’azienda con il bene della collettività, in special modo per le fasce sociali svantaggiate.

In Friuli Venezia Giulia le fattorie sociali stanno rinvigorendo con la base normativa che vive diverse trasformazioni e aggiornamenti, necessari per regolamentare settori sempre più integrati con quello prettamente produttivo delle aziende.

Bradt Guide: il Friuli Venezia Giulia è la destinazione del mese

Bradt guide homepage.png

 

A qualche giorno dall’uscita della prima guida turistica in lingua inglese interamente dedicata al territorio regionale, ad agosto il grande editore Bradt ha indicato il Friuli Venezia Giulia come destinazione del mese.

Sulla home page del sito ufficiale della storica casa editrice (www.bradtguides.com) il Friuli Venezia Giulia compare infatti in evidenza tra le tappe da non perdere e diventa protagonista su tutti i canali di comunicazione.

Inoltre, in occasione di pordenonelegge, la festa del libro con gli autori che dal 18 al 22 settembre ospiterà Pordenone, la guida sarà protagonista di un incontro, giovedì 19 settembre alle 15.30, in cui saranno l’editore Adrian Phillips e uno dei due autori, Dana Facaros, a raccontare l’esperienza che li ha portati a scegliere questa regione come nuova meta per i viaggiatori di lingua inglese.

FVG Destinazione del mese

«Una regione che aspetta di essere scoperta». Questo per gli autori, Dana Facaros e Michael Pauls, l’invito con il quale incuriosire e attirare turisti ad arrivare in Friuli Venezia Giulia per conoscerne bellezze e tesori nascosti. «C’è un po’ di tutto qui, in uno spazio piccolo e accogliente», scrivono sempre sul sito ufficiale della casa editrice gli autori, citando le montagne, le tradizioni della Carnia e i piccoli paesaggi sui monti dove il tempo sembra essersi fermato. Terra in cui crescono le viti del Collio, tra i colori della laguna di Grado e Lignano Sabbiadoro, i paesaggi della pianura che creano lo sfondo elegante per le città d’arte e di cultura della regione, come Udine, Cividale del Friuli, Gemona, Spilimbergo, Palmanova, Gorizia e la cosmopolita Trieste circondata dal Carso, il Friuli Venezia Giulia «ha tutto al proprio posto», partendo da un’accoglienza calorosa, una straordinaria cucina regionale, ottimi vini, escursioni e piste ciclabili per godersi la vita all’aria aperta, musei e monumenti eccellenti.

La stessa Bradt ha deciso di dare rilievo alla pubblicazione della guida anche attraverso i suoi canali social (articoli su blog, Instagram, Facebook, Twitter, video sul Bradt YouTube channel) con un’intensa attività di promozione che PromoTurismoFVG ha ripreso e valorizzato.

Fondata nel 1974, oggi Bradt è la più grande casa editrice indipendente di guide turistiche del Regno Unito e una delle realtà editoriali di riferimento per viaggiatori di tutto il mondo: si rivolge a un pubblico di lettori di target medio-alto con cultura elevata e buona disponibilità economica.

Da pochi giorni l’edizione dedicata al Friuli Venezia Giulia è acquistabile on line (sul sito dell’editore http://www.bradtguides.com, scegliendo tra la versione cartacea al prezzo di £15,99 e l’e-book a £13,32 e, grazie al riconoscimento di destinazione del mese, fino al 31 dicembre è possibile usufruire di uno speciale sconto del 25% inserendo il codice TURISMOFVG25) e il volume, in 280 pagine e una quarantina di immagini, presenta le bellezze di tutto Friuli Venezia Giulia attraverso le descrizioni dei due autori che hanno raccolto l’anima e le caratteristiche dei luoghi che hanno visitato.

Adrian Philips e Dana Facaros ospiti a pordenonelegge

Dopo il lancio sul mercato mondiale la guida è pronta per essere presentata dal vivo al pubblico italiano e della regione. Sarà proprio pordenonelegge, nell’edizione numero venti del festival dedicato ai libri, a offrire l’occasione per scoprire questo angolo a Nord Est dell’Italia e raccontare i segreti di una guida internazionale.

A parlarne, giovedì 19 settembre alle 15.30 nel Convento di San Francesco a Pordenone, nell’incontro moderato dal giornalista Lorenzo Marchiori, responsabile delle pagine culturali del Friuli Venezia Giulia de «Il Gazzettino», saranno l’editore Adrian Phillips e l’autrice Dana Facaros, che assieme al marito Michael Pauls ha realizzato la guida.

Per PromoTurismoFVG il Regno Unito è un interlocutore fondamentale e strategico al quale rivolgersi. Con un catalogo di oltre 200 titoli per cinque continenti, le Bradt Travel Guides coprono un ampio ventaglio di destinazioni: distribuita in cento Paesi di lingua inglese compresi gli Stati Uniti, la guida rappresenta una spinta in più per guardare a questa fetta di turismo con fiducia. Questa uscita si accompagna a una serie di azioni che PromoTurismoFVG, oltre all’intenso lavoro di posizionamento della regione in guide internazionali sia per l’aggiornamento che per la realizzazione ex novo, ha già messo in atto nei confronti del mercato inglese, dalla conferenza stampa a maggio all’Ambasciata Italiana a Londra con Barcolana, Miramare, Collio e Illy, la manifestazione enogastronomica “Taste of London” nel cuore della capitale inglese, a Regent’s Park a giugno, e alla prossima Fiera del Turismo World Travel Market, sempre a Londra, a inizio novembre.

Walkart: il Friuli Venezia Giulia in cammino fra le vie del passato e del futuro

festival

Dal 31 maggio al 3 giugno 2019 – 

Al via le ultime attività organizzate da PromoTurismoFVG nell’ambito del progetto Interreg Italia-Austria “Walkart – L’arte del cammino” per la riscoperta delle antiche vie di pellegrinaggio tra Carinzia e Friuli Venezia Giulia.
Un educational di tre giorni dedicato a giornalisti italiani e austriaci lungo i sentieri dei cammini di fede e il Festival transfrontaliero dei cammini, una tre giorni di racconti, camminate, animazione per bambini e progettazioni future declinata in diverse località della regione.

Presentato lo scorso 26 febbraio a Roma, alla presenza di un numeroso pubblico composto da stampa e operatori del settore, il progetto Interreg Italia-Austria Walkart – L’arte del cammino che coinvolge il Friuli Venezia Giulia e la Carinzia nella strutturazione, valorizzazione e promozione di una nuova offerta transfrontaliera, sostenibile, slow e alternativa al turismo di massa, si avvia alla conclusione con i due eventi che PromoTurismoFVG organizza durante questo fine settimana.

Fino al 2 di giugno, PromoTurismoFVG ospiterà un gruppo di giornalisti di rinomate testate italiane e straniere come Dove, Lonely Planet, La Stampa, Repubblica Viaggi e Die Presse (Austria) per i quali ha programmato diverse esperienze da vivere lungo le quattro vie di pellegrinaggio della regione: dalle camminate lungo la Via del Tagliamento e lungo il Cammino Celeste alla scoperta delle Chiesette delle Valli del Natisone alle visite guidate della civica Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli, del Santuario di Castelmonte e di Cividale del Friuli.
Per i giornalisti sono previsti anche il soggiorno nella rinnovata struttura dell’Hospitale di San Tomaso di Majano e la scoperta della ricca offerta enogastronomica che si sviluppa e incontra lungo le strade dei cammini.

Venerdì 31 maggio i giornalisti parteciperanno alla serata inaugurale del Festival transfrontaliero dei cammini che avrà inizio il 1 giugno a Pinzano al Tagliamento e si concluderà lunedì 3 a Gemona del Friuli con il convegno storico “Conoscere il passato per progettare il futuro”.

Durante i tre giorni del festival, PromoTurismoFVG in collaborazione con i Comuni di Duino Aurisina-Občina Devin Nabrežina, Gemona del Friuli, Pinzano al Tagliamento, Prepotto, Ragogna e Sauris e le associazioni operanti per i diversi cammini di fede, organizzerà per il pubblico una serie di attività ludiche, sportive, culturali ed enogastronomiche per la promozione e valorizzazione dell’offerta turistica lungo le quattro antiche vie di pellegrinaggio che si snodano sul territorio italiano del Friuli Venezia Giulia: il Cammino Celeste da Aquileia a Maria Saal, il Cammino delle Pievi in Carnia, la Via del Tagliamento (da Coccau a Latisana, per qui congiungersi con Romea Aquileiense) e la Via Flavia (da Trieste ad Aquileia, per qui congiungersi con Romea Aquileiense).

La prenotazione alle diverse attività è obbligatoria e può essere effettuata contattando gli uffici turistici di PromoTurismoFVG di riferimento:

  • infopoint di Udine info.udine@promoturismo.fvg.it (tel. 0432 295972)
  • infopoint di Sistiana info.sistiana@promoturismo.fvg.it (tel. 040 299166)
  • infopoint di Sauris info.sauris@libero.it (tel. 0433 86076)

Questo il link al programma dettagliato del festival.

sentieri 1sentieri 2

L’insieme di attività che il Friuli Venezia Giulia e la Carinzia hanno messo in atto per il progetto Interreg “Walkart – L’Arte del cammino” giunto ormai alla sua conclusione, sono state molteplici nel corso degli anni, ma il lavoro di PromoTurismoFVG non si concluderà al suo termine. Nell’ottica infatti dello sviluppo del turismo slow, asset strategico del piano di sviluppo dell’offerta turistica del Friuli Venezia Giulia ed esperienza di sempre più richiamo dai turisti alla ricerca di lentezza nella scoperta di un territorio, PromoTurismoFVG si prepara ai tavoli di lavoro per la strutturazione del prolungamento fino al Santuario di Sant’Antonio di Gemona del Friuli, del Cammino di Sant’Antonio da Padova, che attualmente vede la Basilica di Sant’Antonio di Padova e il Santuario della Verna in Toscana le due mete di congiunzione.

PromoTurismoFVG ringrazia per la collaborazione il Lead partner Comunità Friuli Collinare, il partner austrico RM Regional-Management Mittelkärnten GmbH, i Comuni di Duino Aurisina-Obcina Devin Nabrezina, Gemona del Friuli, Pinzano al Tagliamento, Prepotto, Ragogna e Sauris e tutte le associazioni che hanno collaborato alla realizzazione del festival.

Quest’anno a Natale regaliamo solidarietà alla montagna friulana

1.JPG

#Natale #regali : quest’anno fate un regalo diverso…

Regalate ai vostri cari un fine settimana, un pranzo,una giornata sugli sci sulle nostre belle montagne friulane! Pensateci!

Se avete bisogno di suggerimenti sono a vostra disposizione!

Vi posso mandare idee, proposte, link, suggerirvi strutture e prodotti tipici del territorio!

Sarebbero regali utili per tutti!

Per VOI che andrete a rilassarvi in POSTI MERAVIGLIOSI, per i POSTI MERAVIGLIOSI che grazie a VOI si rialzeranno in piedi ancora più velocemente!

Su questo blog e nel corso della mia trasmissione del venerdì dalle 14.30 alle 16.00 su http://www.radiocitytrieste.it troverete appuntamenti ed iniziative della montagna friulana.

#FriuliVeneziaGiulia #montagna #neve #sci #stagioneinvernale#FVGlive #ilmioFVG

SAPORI PRO LOCO 2018: IL PROGRAMMA COMPLETO

Sabato 12, domenica 13, venerdì 18, sabato 19, domenica 20 maggio – Villa Manin a Passariano di Codroipo

Inaugurazione ufficiale con le autorità domenica 13 maggio alle ore 11.00

632 Sapori di Pro Loco 2016. -® Foto Petrussi

Ritorna Sapori Pro Loco, la grande manifestazione enogastronomica organizzata dal Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia: la 17ma edizione si svolgerà come da tradizione nel prato tra le esedre della magnifica Villa Manin a Passariano di Codroipo il 12-13 maggio e il 18-19-20 maggio (inaugurazione ufficiale con le autorità domenica 13 maggio alle 11).

Confermato il format di successo che vedrà le Pro Loco del Friuli Venezia Giulia proporre, ognuna nel proprio stand, i migliori piatti tipici del territorio regionale a prezzi popolari e con l’utilizzo di stoviglie riutilizzabili e biodegradabili (la manifestazione ha il certificato di Ecofesta).

Per i visitatori sarà presente pure una fornita enoteca con i vini regionali, la birroteca con le birre artigianali e una gelateria con gelato artigianale.
Continuerà inoltre la felice collaborazione con Ersa, l’Agenzia per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, incentrata sulla promozione dei prodotti dalla filiera controllata e certificati con il marchio di qualità Aqua: novità di quest’anno, ci saranno anche degli showcooking per conoscere dal vivo, insieme ad esperti chef, la preparazione dei piatti più noti. Prezioso pure il sostegno della Fondazione Friuli, da sempre vicina alle attività del Comitato regionale delle Pro Loco che valorizzano tradizioni del territorio. Da ricordare che anche quest’anno lo spazio incontri sarà arredato con le sedie di design dell’Italian Chair District, il distretto della sedia italiana di Manzano, altra eccellenza territoriale valorizzata a Sapori Pro Loco. La manifestazione si deve al sostegno di enti e istituzioni, a partire dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia.

“Il Friuli Venezia Giulia vi apre le sue porte – dichiara Valter Pezzarini presidente del Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale Pro loco d’Italia – con un’accoglienza all’insegna del gusto: per la diciassettesima volta Sapori Pro Loco sarà nei due fine settimana centrali di maggio una vetrina con le eccellenze enogastronomiche offerte dalle Pro Loco regionali unite a tante proposte culturali di livello. Una grande festa della tipicità che ha pure una forte valenza turistica, essendo diventata per molti un appuntamento fisso da non perdere, adatto a tutte le età e capace anche di attrarre visitatori da fuori regione. Il prato tra le esedre di Villa Manin ospiterà come di consueto gli stand di varie Pro Loco che proporranno oltre cento tra piatti, birre e vini tipici, oltre al gelato artigianale, i quali rappresentano tutte le sfumature di sapori del Friuli Venezia Giulia dalle montagne fino al mare passando per la collina e la pianura. Anche quest’anno abbiamo mantenuto prezzi popolari, in modo che siano accessibili a tutti, confermando pure la particolare attenzione per l’ambiente nella scelta di stoviglie ecocompatibili e riutilizzabili. Sarà una vera e propria anteprima dei piatti tipici che poi potranno essere ritrovati nelle centinaia di eventi che lungo il corso dell’anno gli oltre 20 mila volontari delle Pro Loco regionali organizzano con passione nei propri borghi. Si rinsalda inoltre sempre di più il legame con l’Ersa, l’Agenzia per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, la quale proporrà dei momenti speciali, compresi dei nuovi show cooking, sui prodotti certificati con il marchio di qualità regionale Aqua nello Spazio Incontri, il quale ancora una volta verrà allestito con le sedute d’eccellenza dell’Italian Chair District di Manzano. Ricco il calendario delle attività collaterali in programma: spettacoli musicali e folkloristici, esibizioni bandistiche, momenti dedicati ai più piccoli con giochi, laboratori e animazioni, concerti con i cantanti più amati da giovani. Sapori Pro Loco si deve al sostegno di enti e istituzioni, a partire dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, che credono pienamente del valore di questo progetto, a vantaggio di tutta la comunità regionale. Che la festa cominci, dunque: vi auguriamo ore liete dove i sapori vi faranno da guida nella scoperta della splendida realtà delle nostre Pro Loco.”

NUMERI E NOVITÀ

Sapori Pro Loco 2018 vedrà all’opera 36 Pro Loco che proporranno 85 piatti tipici i quali, insieme a 12 birre artigianali, una quarantina di vini del territorio e i gelati artigianali, fanno salire il “menù” a oltre un centinaio di referenze. Sono 37 gli eventi collaterali e gli stand informativi inseriti nel ricco programma. Tra le novità rispetto lo scorso anno la presenza di due Pro Loco, che tornano a Villa Manin dopo essere state tra le protagoniste in passate edizioni: sono quella di Pagnacco e una delle due padrone di casa, ovvero la Pro Loco Villa Manin (l’altra del borgo è la Pro Loco Passariano). Altra novità gli show cooking con gli illustri chef Scarello e Pontoni inseriti nel calendario dei consueti incontri con Ersa FVG, nonché lo stand – bottega con in vendita i prodotti agroalimentari certificati AQUA.

PREZZI POPOLARI ED ECOSTOVIGLIE

Anche quest’anno Sapori Pro Loco propone la sua filosofia di degustazioni a prezzi accessibili a tutti: i piatti proposti andranno da un minimo di 1,50 a un massimo di 4,50 euro (prezzo rimasto invariato da diversi anni), in modo da dare a tutti la possibilità di assaggiare quante più specialità possibili. A Sapori Pro Loco si useranno inoltre posate, piatti e bicchieri compostabili: una scelta che significa rispetto e amore per la natura (per questo la manifestazione gode del marchio di Ecofesta).
I PIATTI DELLA TRADIZIONE

Sapori Pro Loco è un’ottimo punto di partenza per scoprire la cucina del Friuli Venezia Giulia, che unisce i gusti delle Alpi a quelli del Mare Adriatico. Da non perdere le diverse varianti di frico, tortino di formaggio da mangiare bello caldo, o i piatti a base di erbe spontanee, tipici della primavera. E poi ancora il rinomato prosciutto crudo di San Daniele, la costa alla fiamma e le tante varianti di piatti di carne, ma pure quelli di pesce sono assolutamente da provare come pure i dolci. Da ricordare come diverse Pro Loco hanno rinnovato il proprio menù, inserendo novità che pur essendo sempre legate alla tradizione portano ulteriore creatività nei piatti che si potranno degustare a Villa Manin.

VINI, BIRRE, GELATO DEL TERRITORIO

Nell’Enoteca regionale saranno proposti i migliori vini del Friuli Venezia Giulia da 32 cantine e tutte le zone Doc compresa la nuova Doc Friuli, selezionati durante la Fiera regionale dei Vini di Buttrio e la Mostra Concorso Vini Doc Bertiûl tal Friûl di Bertiolo (ci saranno anche vini autoctoni come Schioppettino, Picolìt e Ramandolo). L’Enoteca sarà gestita dalla Pro Loco di Bertiolo e dalla Pro Loco Buri di Buttrio.

Per la terza volta a Sapori Pro Loco ci sarà la Birroteca Regionale.  A curare la proposta la Pro Loco Rivolto insieme all’Associazione Artigiani Birrai del Friuli Venezia Giulia.

Per una bibita fresca, un sorbetto o un caffè funzionerà anche il chiosco bar di Sapori Pro Loco, gestito dalla Pro Loco Grions e dalla Pro Loco San Vito al Tagliamento, mentre la gelateria artigianale realizzato con prodotti AQUA sarà gestita dalla Pro Loco Passariano.

ACQUA A KM ZERO

L’acqua è fornita da Dolomia, sorgente regionale nel cuore del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, dichiarate patrimonio dell’Unesco nel 2009. Acqua Dolomia sgorga a 833 metri sul livello del mare e viene imbottigliata sempre corrente, con passione e rispetto per l’ambiente, da Sorgente Valcimoliana, nata nel 2008 a Cimolais (Pordenone) e che nel 2017 ha prodotto 80 milioni di bottiglie.

SEDIE D’ECCELLENZA

Nello Spazio incontri si potrà provare un’altra eccellenza del Friuli Venezia Giulia, ovvero le migliori sedute del Made in Italy a cura dell’Italian Chair District in collaborazione con la Pro Loco di Manzano.

PRODOTTI CERTIFICATI AQUA

Negli stand delle Pro Loco saranno protagonisti in molte ricette i prodotti certificati con il marchio di qualità Aqua della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia garantiti dal disciplinare di produzione. Prodotti che si potranno anche degustare nel nuovo stand-bottega dedicato. Inoltre le filiere di alcuni di essi e quella del vino e della birra, nonché di altri prodotti di eccellenza, saranno al centro di approfondimenti con degustazione nello Spazio incontri.

Sabato 12 maggio

Alle 18.30 si parte con L’olivicoltura in Friuli Venezia Giulia: Approccio all’assaggio degli Oli Extravergini d’oliva, momento in cui saranno fatti conoscere e degustare gli oli prodotti sul territorio regionale. A cura di Ersa FVG.

Domenica 13 maggio

Alle 14.30 laboratorio di cucina per i bambini Mani in pasta, a cura di Germano Pontoni, già presidente dei Cuochi Friuli Venezia Giulia, e il simpatico Ciccio Pasticcio, maestro di cucina per i più piccoli (per bambini da tre anni in su).

Alle 16.30 Un viaggio in Carnia tra sapori, piante e fiori, ovvero come conoscere e utilizzare le erbe spontanee in cucina. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Uti della Carnia.

Alle 18.30 Degustare il vino, un breve corso di approccio alla degustazione dei vini regionali. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier FVG.

Venerdì 18 maggio

Alle 18.30 toccherà invece all’incontro su come Degustare le birre artigianali del FVG. Appuntamento a cura dell’Associazione Artigiani Birrari FVG.

Sabato 19 maggio

Alle 11 secondo appuntamento con Degustare il vino, un breve corso di approccio alla degustazione dei vini regionali. A cura di Ersa FVG in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier FVG.

Alle 15.30 si replica anche con Degustare le birre artigianali del FVG. Appuntamento a cura dell’Associazione Artigiani Birrari FVG.

Domenica 20 maggio

Alle 10 nell’area esterna allo Spazio incontri con la dimostrazione della produzione di formaggio con la creazione di un mini caseificio. A cura di Ersa FVG.

Alle 11 nello Spazio incontri si parlerà de Le produzioni lattiero casearie espressione del territorio della regione FVG: un percorso guidato di degustazione per conoscerle e valorizzarle, iniziativa svolta nell’ambito dei progetti di cooperazione transfrontaliera Made e Top Value. A cura di Ersa FVG, Università degli Studi di Udine e Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo.

Alle 17.30 la Presentazione del marchio di qualità dell’agroalimentare del FVG AQUA.

A seguire show cooking con i prodotti AQUA a cura di Emanuele Scarello, unico chef 2 stelle Michelin del Friuli Venezia Giulia e titolare del rinomato ristorante Agli Amici di Godia. A cura di Ersa FVG.

Sapori di Pro Loco 2017 © Foto Petrussi / Blue Foto

SPETTACOLI

Diverse le proposte che si alterneranno nell’Area spettacoli di Sapori Pro Loco.

Sabato 12 maggio

Alle 18.30 concerto di apertura Progetto Duetti della Scuola di musica Città di Codroipo.

Alle 20.30 diretta della trasmissione di Telefriuli Il Campanile del Sabato.

Alle 21 Gnot di Folclôr, Notte di Folklore, esibizione dei gruppi folkloristici del Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Settimana della Cultura Friulana 2018 organizzata dalla Società Filologica Friulana (evento a cura dell’Unione dei Gruppi Folcloristici del FVG).

Domenica 13 maggio

Alle 11 sarà il Gruppo Bandistico Armonie di Sedegliano, diretto dal maestro Fabrizio Fontanot (evento in collaborazione con ANBIMA FVG) ad allietare la cerimonia ufficiale di inaugurazione.

Alle 15 nell’aula riunioni della Barchessa di Levante di Villa Manin sfida letteraria in lingua friulana su racconti brevi (a cura della Società Filologica Friulana e in diretta su Radio Onde Furlane).

Dalle 15 sfilata Associazione Trieste 800 con figuranti in abiti storici che si esibiranno coinvolgendo il pubblico in giochi e balli d’epoca con esposizione di oggetti che nel 1800 venivano utilizzati in occasione di feste all’aria aperta. A cura di Associazione Trieste 800 in collaborazione con Emozione d’Autore di Eva Trinca.

Alle 21 omaggio al grande compositore brasiliano Antonio Carlos Jobim con l’Udine Jazz collective, ensamble Jazz del Conservatorio “J. Tomadini” di Udine a cura del maestro Glauco Venier e del maestro Alfonso Deidda.

Venerdì 18 maggio

Alle 21.30 concerto del gruppo di musica balcanica Radio Zastava, in collaborazione con Radio Onde Furlane

Sabato 19 maggio

Dalle 10 diretta radio dall’area festeggiamenti.

Alle 21.30 il cantautore Doro Gjat che presenterà in anteprima il suo nuovo album Orizzonti Verticali.

Domenica 20 maggio

Alle 20.30 Rhythm & Blues Band in concerto con tutto il repertorio di 30 anni di attività.

Alle 22.30 il grande spettacolo pirotecnico conclusivo L’Incendio di Villa Manin, a cura di Stabilimento Pirotecnico Friulveneto
INCONTRI

Oltre a quelli sull’agroalimentare con Ersa sopracitati, ci saranno anche altri interessanti momenti di approfondimento.

Sabato 19 maggio

Alle 17.30 nello Spazio Incontri doppio appuntamento con il settimanale Il Friuli sul No profit oggi in Friuli di Carlo Baldassi e un focus sul panorama regionale odierno e una visione del futuro del Friuli Venezia Giulia.

Alle 18.30 presentazione del Festival Conoscenza in festa, a cura dell’Università degli Studi di Udine in collaborazione con la Fondazione Friuli, il MIUR e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane.

644 Sapori di Pro Loco 2016. -® Foto Petrussi

MERCATINI

Domenica 13 e 20 maggio dall’alba al tramonto 

Per gli appassionati di antiquariato Mercatino del Doge. A cura di Pro Loco Passariano, Confcommercio Udine – Mandamento della Bassa Friulana, in collaborazione con FIVA e Consorzio Ambulanti FVG.

In piazza dei Dogi En Plein air in Villa, esposizione d’arte a cura del Circolo Culturale Artistico Quadrivium di Codroipo

VISITE GUIDATE

Sapori Pro Loco è anche scoperta del territorio.

Domenica 13 maggio

Alle 10.30 nel Parco delle Risorgive di Codroipo visita guidata a cura del Corpo forestale del FVG – Stazione di Coseano (gratuita ma su prenotazione scrivendo a info@prolocoregionefvg.org entro il 12 maggio).

Alle 12.30 visita guidata alla mostra in Esedra di Levante a Villa Manin Il colore delle Emozioni.

Venerdì 18 maggio

Alle 18 passeggiata con guida naturalistica nel secolare parco di Villa Manin a cura di AIGAE – Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche FVG (appuntamento all’Infopoint dell’Area festeggiamenti, partecipazione libera, prenotazione via mail a info@guidanaturalistica.it).
Alle 21 nell’area festeggiamenti serata di osservazione di pianeti e satelliti a cura del CAST – Circolo Astrofili di Talmassons (in caso di tempo non favorevole all’osservazione sarà posticipato al giorno successivo).

Domenica 20 maggio

Dalle 15 alle 19 apertura straordinaria delle chiesette campestri del Medio Friuli (Bertiolo, Gorizzo, Rosa, Codroipo). A cura di PIC – Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli.

Sempre lo stesso giorno anche le ville di Belgrado, Canussio, Flambro, Santa Marizza, Varmo aderiranno a Giardini aperti, a cura del Circolo di giardinaggio “Amici in giardino”.

STAND

Sei gli stand informativi che nell’area festeggiamenti potranno farvi conoscere tante eccellenze del Friuli Venezia Giulia:

Ersa-La Bottega dei prodotti AQUA (con anche vendita degli stessi);

Afds Udine – Fidas FVG con promozione attività e animazione per bambini;

Croce rossa italiana – Comitato di Udine promozione attività, animazioni per bambini, dimostrazione di manovre di disostruzione pediatrica e rianimazione cardio – polmonare anche in adulti;

Arlef Agenzia regionale per la Lingua friulana promozione delle attività e delle iniziative per la tutela e la valorizzazione della lingua friulana;

Pic – Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli promozione attività;

Viva forestali regionali FVG promozione attività.

MOSTRE E MUSEI

In contemporanea a Sapori Pro Loco Villa Manin e la Città di Codroipo propongono la visita di esposizioni e mostre.

In Villa nella Barchessa di Levante la mostra L’Atelier dei fiori, gli abiti di Capucci incontrano le immagini di Gardone e la mostra Il colore delle emozioni.

Visitabili inoltre la cappella di Sant’Andrea, la sala delle carrozze e quelle di Flora e della stufa nonché il Parco secolare.

In città aperto il Civico museo archeologico, a San Martino quello delle carrozze d’epoca e la mostra Occhi di Burtone.

Luoghi raggiungibili anche in bicicletta grazie al servizio noleggio della Pro Loco Passariano.

ORGANIZZATORI

Sapori Pro Loco è organizzato dal Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia ed è riconosciuta come Ecofesta per l’attenzione alle tematiche ambientali.

Gode del patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Città di Codroipo e Camera di Commercio di Udine.

Si svolge in collaborazione con Ersa (Agenzia regionale per lo sviluppo rurale), Fondazione Friuli e Patrimonio Culturale Friuli Venezia Giulia Villa Manin.

Main partner Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia – Banca Intesa.

Media partner Telefriuli e Il Friuli.

L’acqua è fornita da Dolomia, sorgente regionale dal cuore delle Dolomiti friulane.

Collaborazioni con Società Filologica Friulana, Anbima Fvg, Ugf Fvg, Italiana Chair District, Pic del Medio Friuli, Croce rossa italiana Comitato di Udine, Radio Onde furlane, Radio Punto Zero, Arlef, Imagazine, Servizio civile nazionale.

Partner tecnici: Ambiente Servizi, Art&Grafica, Autopiù, Birra Castello, Colombino&Polano, Flash, Friuli Antincendi, Friulana Gas, FullAgency, Illy caffè, Piemme, Sebach, Mondial Pol e Stabilimento pirotecnico FriulVeneto.

 

Illegio: “Padri e figli” in mostra con capolavori mai visti in Italia

 

31531759_2419419454750439_3666010601546579968_n

Dal 13 maggio 2018 ad Illegio –

La paternità riuscita, imperfetta o assente, umana e divina. È dedicato a un legame decisivo nella vita dell’uomo, alla sua crisi e alla sua riscoperta, il tema della 15esima mostra internazionale che aprirà il 13 maggio a Illegio.

Si intitola “Padri e figli” l’esposizione organizzata dal Comitato di San Floriano, promotore dal 2004 di mostre internazionali capaci di attrarre nel piccolo e antico borgo tra i monti della Carnia oltre 350 mila visitatori.

Illustrata dal curatore don Alessio Geretti – presenti l’arciprete di Tolmezzo, Angelo Zanello, e il nuovo presidente del Comitato, Claudio Siciliotti – la mostra annovera tra i partner istituzionali il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, la Regione Friuli Venezia Giulia, Promoturismo FVG e l’Ente regionale patrimonio culturale (Erpac).

Tra le sessanta opere, che provengono da Belgio, Croazia, Francia, Polonia, Russia, Spagna, Gran Bretagna, in mostra vi sono ventuno capolavori mai esposti in Italia e quattro inediti al panorama degli studiosi d’arte provenienti da collezioni private di Londra, Bruxelles e Milano.

“Attraverso un viaggio in ventiquattro secoli di storia, dal IV avanti Cristo fino al Novecento, mediteremo – ha spiegato Geretti – su cosa vuol dire diventare padre e essere figli, come riconciliarsi dopo storie tormentate di paternità imperfetta o di figliolanza convulsa e drammatica.  Approfondiremo anche – ha aggiunto il curatore – come al cuore della rivelazione cristiana ci sia la scoperta di un Dio che è padre e che intende estendere a tutti coloro che si lasciano adottare la sua amorosa paternità”.

Le opere più antiche, il Cratere apulo a colonnette raffigurante il distacco di Ettore da Andromaca e dal figlio Astianatte, da Ruvo di Puglia, come pure il gruppo scolpito con Enea, Anchise ed Ascanio, dal Museo nazionale etrusco di Villa Giulia a Roma, risalgono al 400 a.C. circa; le più recenti, “Il ritorno del
figliol prodigo” di André-Jean-Bernard Monchablon e “Edipo piange sui corpi dei suoi figli” di Gabriel-Jules-Charles Girodon, sono datate rispettivamente 1903 e 1912.

Simbolo della mostra è un capolavoro noto al mondo intero, il “Laocoonte”, opera di tre maestri provenienti da Rodi, che sarà presente a Illegio attraverso una sua magistrale replica voluta dai Musei Vaticani e oggi conservata Bilbao in Spagna.

La nuova esposizione, la cui vernice è fissata per le 16.00 di domenica 13 maggio, punta a oltrepassare il record di “Amanti. Passioni umane e divine”, la mostra dello scorso anno che aveva contato 37 mila visitatori.

“Credo raggiungeremo un altro ottimo traguardo – ha commentato Geretti – e per questo stiamo cercando di rendere ancora più bello il paese, potenziando tutte le offerte e curando particolarmente la formazione dei giovani che con competenza e garbo accompagneranno gli ospiti ad approfondire messaggi e simbologie di ciascuna opera”.

 

 

 

La professionalità premia: turismo in crescita in Friuli Venezia Giulia nel 2017

 

TURISMO

Si è tenuta oggi la presentazione dei dati relativi al turismo in Friuli Venezia Giulia nel 2017: all’incontro svoltosi all’Aeroporto di Trieste di Ronchi dei Legionari erano presenti il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello, il direttore generale di PromoTurismoFVG Marco Tullio Petrangelo, il direttore marketing della controllata regionale Bruno Bertero e il presidente dell’aeroporto regionale Antonio Marano.

I GRANDI NUMERI

8.729.115 presenze di turisti in Friuli Venezia Giulia nel 2017, 433.819 in più rispetto all’anno precedente, con un maggior incremento degli ospiti provenienti da Paesi esteri (+7,0%) rispetto al +3,0 dei turisti connazionali e un ruolo leader, tra gli stranieri, per gli austriaci (1.581.196, +6,7%), i tedeschi (1.173.740, +7,3%) e i cechi (245.688, +16,9%) e l’incremento percentuale più spiccato fatto segnare dai russi (+18,9%).

Nel 2018 si prevede – come ha reso noto lo stesso Petrangelo – di sfondare quota 9 milioni, chiudendo a 9,1-9,2 milioni di presenze.

I posti letto occupati dagli ospiti del Friuli Venezia Giulia, nelle diverse tipologie ricettive, sono stati nel 2017 117.890.

Tutti i nove ambiti del turismo regionale, accorpati statisticamente in tre macroambiti, chiudono l’anno passato con un segno “più”.

La montagna cresce de 7,1% nelle presenze (e del 5,3% negli arrivi), il mare e le città storiche registrano un incremento di presenze del 5,2% (+6,1% gli arrivi), mentre gli
ambiti cittadini e le altre aree vedono lievitare le presenze turistiche del 4,7% (+4,8% gli arrivi).

Tra gli ospiti connazionali (+3,0 tendenziale) si conferma il primato della Lombardia (822.391, +4,3%) davanti agli abitanti del Friuli Venezia Giulia stesso (742.365 presenze) e ai veneti (740.332 presenze). Il maggiore incremento riguarda i turisti provenienti dalla Basilicata (+56,3% delle presenze), seguiti da pugliesi (+18,7%) e umbri (+17,6%).

Il turismo cresce in ogni tipo di struttura: presenze a +4,1 per alberghi, alberghi diffusi, residenze turistiche alberghiere, b&b, affittacamere, agriturismo, strutture a carattere sociale e rifugi e +9,8% per campeggi e villaggi turistici. Aumentano anche (+4,8%) le presenze in case e appartamenti per vacanze.

Per quanto riguarda la montagna (+7,1%) la maggior crescita delle presenze si registra nell’area Piancavallo e Dolomiti Friulane (+15,6%), seguite da Carnia (+5,7%) e Tarvisiano-Sella Nevea-Passo Pramollo (+4,6%).

Nel gruppo mare/città storiche, aumento in doppia cifra per Grado, Aquileia e Palmanova (+10,7%), mentre per quanto concerne le principali località balneari le presenze a Grado segnano un +10,1% (+11,4% gli arrivi) e un +2,5% a Lignano (+3,1% gli arrivi).

Entro il macroambito delle città (+4,7%), Pordenone totalizza un +9,9%, Udine un +8,2%, Trieste un +4,1% e Gorizia un -4,5%, ma quest’ultimo dato è negativo a causa del mancato trasferimento del conteggio presenze/arrivi da parte di un grande hotel.

GLI STRUMENTI

Dagli infopoint agli ambasciatori blog, dalla FVG Card ai social: sono gli strumenti utilizzati dalla Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso PromoTurismoFVG, per accrescere le presenze turistiche 2017 del 5,2% su base tendenziale.

E l’aeroporto regionale si candida sempre più al ruolo di infrastruttura chiave per alimentare il turismo, grazie al Polo intermodale attivo a breve, e di vetrina, grazie alla ristrutturazione degli spazi corredati da nuovi allestimenti grafici e multimediali approntati nei gate 8 e 9 e presentati oggi.

Come ha riferito Bertero, gli infopoint di PromoTurismoFVG hanno contato nel 2017 253.223 presenze fisiche, con punte record ad agosto e con il maggior numero di ingressi ad Aquileia.

La FVG Card ha registrato una crescita dai 8.258 pezzi del 2016, per un controvalore di 136.778 euro, ai 9.626 pezzi del 2017 (controvalore di 160.570 euro).

Il web ha avuto un ruolo chiave: turismofvg.it ha fatto segnare una media giornaliera di 7.297 visitatori unici (+3,6% rispetto al 2016) e ogni singolo post condiviso sui social ha registrato un valore economico medio di 1.642 euro, conseguito senza esborso pubblicitario.

Accanto all’attività degli ambasciatori blog (social ambassador, con 200 candidature perfezionate e 80 volontari attivi, che hanno prodotto 350 contenuti), si è sviluppata l’attività dell’ufficio promotion e dell’ufficio stampa. Quest’ultimo ha accolto nel 2017 150 giornalisti nazionali e internazionali e generato 3 milioni di euro di valore pubblicitario equivalente, raggiungendo 40 milioni di contatti potenziali.

Bertero ha riferito, infine, i numeri della formazione, altro asset del Piano strategico del turismo del Friuli Venezia Giulia: le persone coinvolte sono state 1500 per un totale di 650 ore di formazione.