Trieste Estate 2017: Improbabili Amori al Castello di San Giusto

Chianciano 3507 rid.jpg

Giovedì 22 giugno 2017 ore 21.00, Castello di San Giusto a Trieste –

Si terrà giovedì 22 giugno alle con inizio alle ore 21, al Bastione Rotondo del Castello di San Giusto di Trieste, nell’ambito di Trieste Estate 2017 IMPROBABILI AMORI, spettacolo completamente improvvisato.
Gila Manetti ed Andrea Mitri interpretano due strampalati conferenzieri che dissertano sull’amore cercando di avvalorare ognuno la sua tesi con due differenti teorie, portando a sostegno delle loro tesi poesie, pezzi teatrali, scena da film, fiabe e altro.
Ad inizio serata gli spettatori scrivono su dei bigliettini una breve frase sull’amore, il loro nome e la loro professione. Questi spunti saranno il motore di ogni intervento degli studiosi, i quali potranno anche coinvolgere il pubblico a sostegno delle loro tesi.
Uno spettacolo prettamente comico, completamente improvvisato, che si ispira al mondo delle convention, dove per ore si parla del nulla, come se fosse la cosa più importante del mondo.
Lo spettacolo è ad ingresso libero.

 

 

Annunci

Premio Hemingway 2017: a Lignano tutto è pronto per una settimana ricca di eventi

image1

Dal 14 al 21 luglio 2017 a Lignano Sabbiadoro –

Grande attesa per l’edizione 2017 del Premio Hemingway. Al via gli “Incontri del Premio Hemingway”, una settimana per ritrovare il fascino della ‘piccola Florida’ tanto amata dall’indimenticabile autore di “Addio alle armi”.

Fino al 21 giugno – da giovedì 15 con una preview cinematografica mercoledì 14 giugno – nella splendida location di Lignano Sabbiadoro si alterneranno letture, proiezioni e incontri d’autore nel segno di Ernest Hemingway: per il pubblico l’occasione di conoscere quattro straordinari protagonisti della letteratura, del pensiero e della fotografia. Sono infatti l’autrice britannica Zadie Smith per la Letteratura, il filosofo sloveno Slavoj Žižek per l’Avventura del pensiero, lo psicanalista Massimo Recalcati nella sezione Testimoni del nostro tempo e l’artista Nino Migliori per la Fotografia i vincitori del Premio Hemingway 2017, che propone un poker di incontri al Centro Congressi Kursaal.

Giovedi’ 15 giugno appuntamento con il fotografo Nino Migliori, che alle 18.30 sarà protagonista del dialogo con Italo Zannier. Un appuntamento in collaborazione con gli “Incontri con l’autore e con il vino” 2017 di Lignano Sabbiadoro.

Venerdì 16 giugno alle 18.30 l’imperdibile lezione dello psicanalista Massimo Recalcati, sul filo rosso del suo ultimo saggio Il segreto del figlio. Da Edipo al figlio ritrovato (Feltrinelli).

Sempre venerdì, alle 21, riflettori sul geniale filosofo Slavoj Žižek: il suo intervento sarà sul tema From surplus-value to surplus-enjoyment. Si tratta di una lezione dedicata al nuovo saggio di Zizek, “Il coraggio della disperazione”, in uscita giovedì 15 giugno per Ponte alle Grazie, in anteprima a Lignano per il pubblico del Premio Hemingway.

Sabato 17 giugno, alle 11 al Kursaal appuntamento con Zadie Smith, fresca autrice di Swing Time  (Mondadori), il nuovo romanzo di cui dialogherà con la giornalista Tiziana Lo Porto. Un’occasione preziosa per ascoltare in anteprima l’autrice intorno ai personaggi e ai leitmotiv della sua nuova opera, storia di un’amicizia e di una rivalità.

Il Premio Hemingway 2017 è  arricchito da un cartellone di letture e proiezioni legate ai temi e alla feconda personalità artistica di Ernest Hemingway.

Domenica 18 giugno alle 18, nella Chiesetta Di Santa Maria del Mare appuntamento con l’attore Fabiano Fantini per una selezione di letture dalle pagine più significative di Hemingway.

Mercoledì 14 e mercoledì 21 giugno alle 21, al Cinecity, si terranno le proiezioni a cura di Cinemazero: saranno proposti i film “Hemingway & Gellhorn” (2012), diretto da Philip Kaufman, storia dell’incontro fra lo scrittore e la giornalista Martha Gellhorn, e “Il vecchio e il mare”, di John Sturges (1958).

Sabato 17 giugno alle 18 sarà la giornalista Elsa Di Gati, volto di programmi storici della tv italiana da “Mi manda Raitre” a “Cominciamo bene”, a condurre la cerimonia di consegna del Premio Hemingway 2017.

L’evento è aperto al pubblico dietro prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Info http://www.premiohemingway.it

Promosso dal Comune di Lignano, il Premio Hemingway è realizzato con il sostegno degli Assessorati alla Cultura e alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso la consolidata collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge.it. La Giuria del Premio Hemingway, presieduta dallo scrittore Alberto Garlini, è composta da Gian Mario Villalta, Pierluigi Cappello e Italo Zannier, affiancati dal Sindaco di Lignano Luca Fanotto e dalla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani.

Bollicine sul Carso trasloca in città e questa volta lo fa nel cuore di Trieste

 

 

Copia di IMG_1432

Sabato 17 giugno 2017 – Trieste, Stazione Marittima – 

Si terrà nella splendida cornice della Stazione Marittima di Trieste, direttamente affacciati sul mare, la terza edizione di Bollicine sul Carso, la frizzante manifestazione che porta anche quest’anno in città una vasta rassegna di “bollicine” appunto da Italia, Slovenia e Croazia.

La manifestazione enologica focalizzata sulla produzione di vino mosso si svolgerà sabato 17 giugno dalle ore 11 fino alle 23.

Bollicine sul Carso è un evento dedicato prettamente al settore della ristorazione, alberghiero e vinicolo, nato con l’obiettivo di offrire l’opportunità alle aziende partecipanti di promuovere il proprio marchio e sviluppare una rete di nuovi potenziali clienti.

bollicine 2
L’evento rappresenta un’occasione di confronto tra le aziende, non solo tra le cantine presenti, ma anche con gli sponsor e i professionisti del settore che parteciperanno.

Le “bollicine”, denominazione oramai entrata nella vulgata, che saranno offerte in degustazione, saranno di tutti i tipi di produzione: metodo Classico, Martinotti-Charmat, Champenoise e quello Ancestrale.

Protagonisti di questa terza edizione, gli oltre 40 produttori provenienti da alcune regioni italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia), dalla Slovenia (Brda, Vipava, Kras) e dalla Croazia (Istria).

Vi sarà, pertanto, la possibilità, per esperti e appassionati, di avvicinarsi e approfondire una particolare declinazione del mondo vinicolo, recentemente sempre più in ascesa complice il fenomeno, ormai non più fenomeno, della Glera in versione mossa, che prende nome dalla località carsica di Prosecco.

Il progetto è nato nel 2015 dalla volontà e passione dell’azienda Barone d.o.o., affermata nel mondo della ristorazione, in collaborazione con il vicepresidente dell’AIS FVG, Roberto Filipaz.

Visto il successo della manifestazione nei primi anni, l’edizione 2017 si presenta con una squadra allargata. A supportarne l’organizzazione ci sarà Enea Savini della Pizzeria Pam Pam di Aurisina e Linda Simeone (Le vie delle Foto) che si occuperà della comunicazione e della gestione degli eventi.

Nel corso della giornata ci saranno delle retrospettive offerte dal Sommelier Roberto Filipaz, che permetteranno ai visitatori di conoscere meglio alcuni vini.

Ci saranno, inoltre, dei punti di ristoro, che offriranno l’opportunità di assaggiare i prodotti freschi artigianali del Pastificio Barone preparati dall’associazione Cuochi Trieste, la “Scrocchiarella” preparata da Enea Savini della Pizzeria Pam Pam e piatti preparati da Dario Varisco del ristorante Dama Bianca.3

Udine si appresta ad ospitare Cartoonia

Sabato 10 e domenica 11 giugno 2017 – Udine – Ente Fiera

A5-cartoonia-def.jpgIstituito in Friuli ” il premio celebrazione carriera per il doppiaggio della televisione italiana”. La manifestazione verrà ospitata sabato 10 e domenica 11 giugno alla fiera di Udine e vedrà oltre alla partecipazione di artisti del calibro di Cristina D’Avena e Giorgio Vanni, i due massimi esponenti delle sigle dei cartoni animati, anche la presenza di doppiatori legati al mondo del piccolo e grande schermo pronti ad aggiudicarsi il premio Cartoonia 2017 che celebrerà il lavoro svolto per il pubblico italiano.

Nomination di questa prima edizione tre grandi voci legate al mondo dei cartoni animati: Pietro Ubaldi storico doppiatore di Uan, di Doraimon e del Capitan Hector Barbossa visto recentemente sul grande schermo ne i Pirati dei Caraibi la vendetta di Salazar; Monica Ward voce da trent’anni di Lisa Simpson e sorella di Luca Ward, da tutti apprezzato nel ruolo di Massimo X Meridio de il Gladiatore e Davide Garbolino attualmente voce di Bugs Bunny ma che nel suo palmares annovera personaggi del calibro di Ash Ketchum dei Pokemon, Michelangelo delle tartarughe Ninja, Robin di Batman e il rubacuori di È quasi magia Johnny.
Il mondo del doppiaggio, che per molti è un’arte sconosciuta e forse poco valorizzata ma fondamentale della settima arte, apre le sue porte a Cartoonia; domenica 11 giugno alle 14 è previsto un incontro tra il pubblico e questi tre grandi artisti, in cui ci sarà la possibilità di confrontarsi e carpire consigli utili per intraprendere questo particolare ma molto soddisfacente lavoro.
Sabato 10 giugno alle ore 21 si terrà il primo concerto friulano nella carriera di Cristina D’Avena assieme ai Gemboy; domenica Giorgio Vanni chiuderà la manifestazione con uno grande show di luci suoni e sigle animate dance legate al mondo Mediaset.
Per info e ticket visitare il sito http://www.cartoonia.org o la pagina facebook Cartoonia dove il tempo si e fermato.

UOMINI & FUMO

Dopo che un amico lo ha condiviso, ripropongo volentieri anche qua una mia nota di Facebook pubblicata il 28 maggio 2013 ma sempre di attualità. Voi che cosa ne pensate?

Ogni giorno noi donne abbiamo a che fare con uomini che incontriamo per lavoro, agli sportelli delle banche, che guidano i mezzi pubblici, nelle nostre famiglie o magari sono le nostre dolci metà…

Avete mai pensato di paragonare l’uomo al fumo? di una ciminiera, di una sigaretta, di un sigaro, di una casa, del barbecue….

Io si!

Ed ecco quelli che ho individuato: (ah una precisazione…. gli uomini non devono necessariamente fumare…)

FALO’ SULLA SPIAGGIA: bello come il sole abbraccia la sua chitarra per scaldare gli animi delle persone e degli amici cantando vecchie canzoni seduti in riva al mare. Sicuro di sè, non arrogante, non presuntuoso, solare ed avvolgente. Avete presente il pulviscolo di acqua che viene sollevato sul mare nelle giornate di bora forte? sicuramente riesce ad infradiciarti e non lascia scoperto un centimentro di pelle, ti coinvolge totalmente ma porta sempre verso la costa, verso casa… mai alla deriva. Gratificante come una giornate passata a prendere il sole in riva al mare. Dissetante come un gelato alla fragola. Romantico come un tramonto infuocato sul mare della mia città, Trieste o come una canzone di Claudio Baglioni…

INCENDIO: devastante come pochi, non ha nulla di romantico… sembra eliminato e ricompare. si prende gioco di te e si insinua sotto la pelle come un ago sottile. sarà difficile estinguerlo ma provarci non guasta…

SIGARETTA: pratico, veloce, energico; non ha mai tempo, ha sempre mille impegni e ti considera un “appuntamento” della sua agenda. Mentre ti bacia – ancorché con passione  – sta pensando già al prossimo appuntamento.

SIGARETTA ELETTRICA: il fumo di qualcosa che non c’è….

BARBECUE: compagnone e birraiolo, quando ti bacia ti strofina la barba sfatta di un giorno sul viso. Ovviamente sa di birra ma nell’insieme non è male…

CIMINIERA: come il fumo in giornate di umido sale lento, così lui è pesante, monotono e noioso. Si rinfresca l’alito con lo spruzzino e i suoi baci? ANCHE NO….

CASA/CAMINETTO: pantofolaio, gradevole a piccole dosi, non toccargli la partita perchè altrimenti son dolori. I baci? anonimi

SIGARO: avete presente quell’alone dal colore caldo e compatto che fa il sigaro? Bene l’uomo che lo rappresenta è così…. il suo abbraccio avvolgente, i suoi baci avvolgenti, il personaggio intrigante. Gradevole come un buon rum od un notevole wisky, scioglievole come la cioccolata, stuzzicante come il peperoncino…

PIPA: intellettuale e rilassante….

quello che in gergo triestino si chiama la “BRONZA COVERTA” ovverosia la brace del camino coperta dalla cenere. Ecco quello è il fuoco più pericoloso: appare, scompare, se ti avvicini ti scotti ma se resta nella cenere non lo vedi e poi basta un soffio e ricompare… l’uomo “bronza coverta” è così appare, scompare… va … torna…… i suoi baci? ruvidi e che sanno di dopobarba… impossibili da dimenticare….

BRONZA (BRACE) DEL SIGARO

Sguardo un po’ bastardo, sicuro di sé ma dolce, sicuramente sfuggente. Morbido come il cashmere, inscalfibile come la roccia, profuma di rum, vaniglia e cioccolato, non teme il pericolo ma potrebbe essere sicuramente pericoloso.Intrigante, cinico e sensuale, è pronto a colpire in ogni momento o situazione. Potrebbe essere un problema per chi gli sta vicino. Per noi donne che lo mettiamo al centro dei nostri pensieri e sono pensieri che profumano di rum e cioccolato spazzati dal vento di bora che pizzica la pelle della faccia, sono pensieri che si sciolgono al calore di una mano che passa sulla terra coperta di brina, sono pensieri che sussultano al passo inaspettato su di un tappeto di foglie secche, sono pensieri che aleggiano spensierati come l’acqua di un ruscello di montagna.

BONACCIA E NEVERIN – UOMINI & VENTO… FUORI TEMA… ma a volte capita…

ma degli uomini Bonaccia e Neverin… vogliamo parlarne?!?!?!?

Il primo promette calma piatta mentre il secondo arriva a sconvolgerti la vita ed a spettinarti l’esistenza riempiendola di passione.

Vabbé ora vediamo i commenti…. ovviamente se qualche uomo vuole “DICHIARARE” come si sente può farlo così come le donne ne possono individuare degli altri….

Anziani a Trieste: il Centro Marenzi, dove l’età è un valore aggiunto!

 

Oggi volevo raccontarvi di un posto molto speciale. Si chiama A.C.A.A.R. Centro Marenzi (Amici dei Centri Anziani per l’Aggregazione Rionale) e si trova in Via dell’Istria 102 a Trieste.
Come molti di voi sapranno io da tanti anni faccio “la radio”: non sono una DJ, forse potrei definirmi una speaker ma diciamo che intrattengo con la mia musica preferita gli ascoltatori della fascia oraria da me coperta e soprattutto mi rilasso ascoltando della buona musica. La radio con cui collaboro ormai da oltre 5 anni è Radio City Trieste, una web radio accattivante e grintosa, fatta di una squadra di amici/colleghi ciascuno con le proprie preferenze musicali che in questi anni ha fatto crescere l’emittente in maniera molto vigorosa. Ma oggi, per quanto la ami molto non sono qua a parlarvi della City. La City serve solo da aggancio in quanto, avendo gli studi all’interno del Centro Marenzi, fa sì che noi speakers siamo associati a questa bella Associazione.
Come detto, il Marenzi è prima di tutto un centro diurno per anziani del Comune gestito dall’A.CA.A.R. e diretto in maniera meravigliosa da Claudio Piuca meglio noto come Zio Claudio; apparentemente burbero gode però di una “scontrosa grazia” così come la nostra città, lo “Zio” così come viene simpaticamente chiamato da tutti, è in realtà una persona con un cuore immenso che ha preso a cuore questo centro da molti anni e lo conduce in maniera veramente egregia.
Ricordo le prime volte che arrivavo alla sede, e le occhiate di semirimprovero delle signore presenti (c’è anche qualche ometto ma in misura sicuramente inferiore vista la percentuale di uomini/donne sulla faccia dela terra) che mi ammonivano di salutare sottovoce in quanto disturbavo il loro gioco di carte o la loro tombola.
Poi, volta dopo volta, abbiamo cominciato a conoscerci ed ora che – dopo un periodo di pausa – ho ripreso a “fare la radio” in maniera costante, ho imparato a conoscere molte di loro e ad alcune mi ci sono veramente affezionata.
Dovete sapere che la mia trasmissione va in onda ogni venerdì dalle 14.30 alle 16.00. e l’ultimo venerdì del mese si festeggiano sempre i compleanni dei nati nel mese.
La festa dei compleanni è un momento speciale: lo Zio Claudio canta, vengono offerte ai presenti patatine e pizzette (come di tradizione alle feste…), le signore ed i “rari” signori ballano, ma più frequentemente le signore ballano tra loro ricordando tempi e amori lontani.
Ogni tanto capita di vedere qualche malinconica lacrimuccia altre volte si ride fino alle lacrime…
La cosa che ogni volta mi colpisce profondamente è la loro cura nel prepararsi per partecipare alla festa. Devo dire che sono sempre eleganti quando vengono al centro anche durante la settimana; la maggior parte di loro truccate nonostante l’età avanzata (qualche over ’80 non manca…).
Ma per la festa dei compleanni è tutta una gara a chi si mette più in ghingheri. Abiti elegantissimi, collane e trucchi, lustrini e pailettes che sbriluccicano, capelli appena usciti dal parrucchiere.
E mi guardo io, sfinita dopo una settimana di lavoro, uscita trafelata dall’ufficio all’una e mezza per correre in radio a fare la trasmissione, scarpe di ginnastica ed abiti comodi prevalentemente neri perchè vanno bene in ogni occasione, il trucco che si chiede da quanto tempo non esce dalla borsa da viaggio, reduce dell’ultimo convegno dove ovviamente mi sono truccata a malapena.
E le osservo nuovamente mentre ballano, loro che magari sono sole, non hanno figli, o marito, o nipoti e che comunque guardano al loro futuro serenamente, programmandosi le imminenti ferie.
Loro, a cui basta un ballo per essere allegre.
Poi arriva il momento della torta, le foto di rito delle festeggiate con un regalo per tutte, realizzato rigorosamente a mano dalle signore del corso di cucito.


Le feste dei compleanni più belle sono quelle che si possono trascorrere in primavera ed estate nel grande giardino del Marenzi, tra fresche fronde e profumo di fiori.
Ed io vengo invasa da un estremo senso di pace e di serenità che mi ripaga per tutta la fatica della settimana.
Perchè vi ho raccontato del Marenzi? Perchè volevo condividere con un po’ di amiche/amici triestini di FB che hanno superato i 60-65 anni un posto dedicato a persone che amano la vita nonostante gli anni che passano, che preferiscono stare in compagnia e non chiudersi in casa seduti sul divano davanti alla tv o magari davanti al computer o magari segnalarlo a qualche amico/amica più giovane che ha i genitori/zii/nonni ancora pimpanti ed attivi e che magari talvolta si annoiano.
Ora ci stiamo preparando per le vacanze estive al mare ed in montagna e poi ci saranno i festeggiamenti ferragostani oltre ovviamente alle solite attività quotidiane e settimanali.


Ecco… io ho condiviso e per una volta la notizia è proprio bella!

B&B E CASE VACANZA IN ITALIA E ALL’ESTERO: OSPITALITA’ A CONFRONTO

18403238_1427456020623702_1574026985465527835_n

 

Nella splendida cornice di Villa Manin di Passariano, si è tenuto il convegno “B&B E CASE VACANZA IN ITALIA E ALL’ESTERO: OSPITALITA’ A CONFRONTO”.

Chi viene ospitato in un B&B o in una Casa Vacanze difficilmente sceglie un hotel e viceversa. Alloggiare in un B&B significa sentirsi a casa e coccolati, cosa che nelle strutture alberghiere non succede sia per la tipologia della struttura che per la tipologia dei servizi offerti.

Fondamentale l’incontro con associazioni e con operatori di strutture di altre regioni ed altre nazioni per ottenere un confronto ed una discussione di carattere legislativo (utile magari a trarre nuovi spunti da sottoporre alle amministrazioni regionali, provinciali e comunali), organizzativo ed operativo e con i relatori nazionali ed internazionali che hanno portato le loro testimonianze illustrando agli operatori del nostro territorio presenti ed agli studenti dell’Università di Udine come scoprire pro e contro della propria attività oltre che ad individuare metodi e strategie di miglioramento.

Frutto di una coorganizzazione tra l’Assessorato alle Attività Produttive della  Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Promoturismo FVG e l’Associazione regionale B&B in Italy – Ospitalità nelle Case in Friuli Venezia Giulia ed in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici e del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Udine su progetto dello studio Emozione d’Autore di Eva Trinca il convegno è servito da confronto per gli operatori del territorio nei confronti di altre realtà sia nazionali che internazionali.
Dopo i saluti di rito portati dall’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Codroipo Graziano Ganzit e dalla Presidente dell’Associazione B&B in Italy Rosa Simonitto, si sono susseguiti i vari interventi.

Ha aperto i lavori il professor il Prof. Andrea Zannini  parlando della formazione professionale nell’ambito del turismo nell’Università degli Studi di Udine; a seguire è stata la volta di Elisa Millo che ha proposto la sua tesi di laurea sulla “Microricettività italiana e irlandese a confronto: il caso del Bed and Breakfast”.

Antonio Tesolin presidente della Pro Loco di Casarsa ha illustrato quali sinergie possono nascere tra le associazioni al fine di promuovere il territorio che le ospita.

Particolarmente interessanti i temi trattati da Aljoša Ota, Direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo per l’Italia e da Ondina Giacomin Presidente Abbav Associazione B&B, affittacamere ed appartamenti del Veneto con “Understanding the Sharing Economy e il turismo: le CITTÀ, i governi, le amministrazioni locali sono preparati per la sharing Economy relativa al turismo?” e Stefania Angeli Presidente Associazione B&B di Qualità del Trentino con “B&B di Qualità in Trentino un marchio per l’esperienza autentica dell’ospitalità in famiglia”.

Attesissimo infine l’intervento del dott. Antonio Bravo Direzione centrale attività produttive, turismo e cooperazione – Servizio turismo, che ha illustrato “I B&B e gli appartamenti locati ad uso turistico nella L.R. 21/2016” e che successivamente ha esaustivamente risposto alle innumerevoli domande dei presenti.

Ha concluso i lavori l’intervento del Vicepresidente regionale Sergio Bolzonello.

“Il mese di aprile 2017 ha registrato il numero maggiore di ospiti in Friuli Venezia Giulia

degli ultimi dieci anni e le prenotazioni dell’estate sono superiori a quelle dello scorso anno”.

Focalizzando l’attenzione sui bed and breakfast, Bolzonello ha spiegato che la nuova legge sul turismo mira a “fornire ampiezza di possibilità per chi opera in questo settore.

Inoltre, oggi i B&B sono infrastrutture su cui puntiamo per lo sviluppo turistico della nostra regione e l’attuale normativa sta andando verso la risoluzione di tutte le problematiche”.

Come ha evidenziato il vicepresidente, i B&B sono “parte fondamentale dell’offerta soprattutto quando si fa leva sul fattore emozionale per attirare gli ospiti”. Dialogando con il pubblico, Bolzonello si è quindi mostrato favorevole a un’apertura della Regione verso le richieste di revisione di alcuni dei parametri di classificazione dei bed and breakfast contenuti nella nuova normativa sul turismo.

Tra i temi di maggiore interesse emersi durante l’incontro, anche alcune perplessità sull’occasionalità dell’attività dei B&B, in particolare per quanto riguarda la documentazione che i titolari devono trasmettere ai Comuni. Bolzonello ha quindi assicurato che la Regione invierà alle amministrazioni locali alcune note di chiarimento sulla nuova legge regionale 21/2016, in modo da fugare ogni possibile dubbio interpretativo.

Il ruolo dei B&B in Friuli Venezia Giulia si è fatto sempre più rilevante proprio perché, come ha spiegato il vicepresidente della Regione, si tratta di una “modalità di accoglienza che, se fatta in modo corretto e professionale, rende piacevole il soggiorno in una struttura inserita nel tessuto della comunità visitata”.

Per quanto riguarda, infine, la possibilità di collaborazione tra i B&B regionali e delle nazioni vicine, Bolzonello ha sottolineato che, nonostante alcune difficoltà legate alla differenti normative e fiscalità, sicuramente “un lavoro comune per Friuli Venezia Giulia, Carinzia e Slovenia ha un senso. Gli uffici di promozione turistica stanno già dialogando quindi non è escluso che si possa arrivare a una dinamica di collaborazione più ampia e articolata”.