Buona Pasqua: quando l’aneddoto diventa uno straripamento di ricordi!

17991268_1404351292934175_3659225713605535521_n

La mattina di Pasqua avevo iniziato a scrivere questo post per farvi gli auguri e per ricordare l’aneddoto del pulcino ubriaco….  Poi sono precipitata nei ricordi ed ho trovato rifugio nella scrittura… ed ho finito a Pasquetta.
Questi ricordi li voglio dedicare alla mia GRANDE FAMIGLIA che ho avuto ma in modo particolare a MIA COGNATA GIANNA, moglie di mio fratello Gianni, una donna veramente speciale, con la quale anche nel 2018, seppur parzialmente, abbiamo voluto portare avanti la tradizione della merenda di Pasqua della nostra famiglia.
Sono mancate molte cose in questa Pasqua: mio nipote che vive a Londra, la gelatina, le pinze, il kren ed i dolci fatti in casa e, sopra e prima di tutto, gli affetti a noi più cari, quelli che non ci sono più, ma che anche quest’anno erano seduti con noi intorno al tavolo del giardino: erano il sole dopo tante giornate di pioggia, erano i fiori sbocciati con forza dopo un inverno strano e confuso, erano in quel rapace che volava alto e immenso nel cielo sopra di noi quasi a volerci osservare da lontano per verificare che tutto fosse al proprio posto.
Erano in tutti i piccoli particolari che componevano la NOSTRA tavola di Pasqua e che abbiamo condiviso con mia cognata Gianna e mio fratello Duilio.
Quello che non è mancato – anche se ormai la nostra potremmo definirla una famiglia “alla spicciolata” ed un po’ rappezzata – è quindi il SENSO DI FAMIGLIA, la CONDIVISIONE DEL RICORDO DELLE TRADIZIONI e sicuramente il fatto di TENERE APERTO IL CUORE AD OGNI COSTO.
Tutto quello che auguro di cuore a chi avrà voglia di leggere questo mio scritto, è di poter provare quello che ho provato io, di trovare qualcosa in cui credere e tornare a rifugiarsi nei ricordi quando sentirà la solitudine forte della mancanza degli affetti più cari, la mancanza della propria famiglia.
1 Aprile 2018 – Facebook
Volevo augurare a voi e alle vostre famiglie una buona e serena Pasqua con un aneddoto relativo alle Pasque della mia infanzia: la mia famiglia non ha mai fatto il pranzo pasquale, non so cosa siano agnelli, capretti o cose simili.
Da noi si faceva la merenda pasquale e possibilmente la si faceva in giardino.
Il rito della merenda pasquale iniziava almeno una settimana prima quando mia mamma cominciava a preparare le pinze, il presnitz e la putizza ed il profumo di dolci invadeva pacificamente la casa.
E poi c’era il rito della gelatina, tradizione tramandata da generazione in generazione con dovizia di particolari che non dovevano essere assolutamente dimenticati; si cominciava con la spesa, gli affumicati e non di maiale e di vitello che dovevano avere determinate caratteristiche, le dosi e le quantità e poi la preparazione.
Ricordo che sia per la preparazione delle pinze che per quella della gelatina (le prime che con il loro taglio rievocano la terra squarciata dal terremoto, la seconda la terra che ha tremato quando è morto Cristo), mia mamma si metteva la sveglia di notte per svegliarsi a rimpastare i dolci o a schiumare la gelatina che doveva bollire per infinite ore abitualmente la notte del venerdì santo.
Sabato mattina poi il rito per impiattare la gelatina: dopo aver verificato che il brodo rapprendesse in maniera giusta provandone la densità su un piattino vicino alla finestra, quando la carne era pronta (c’erano diversi tipo piedini, orecchie, nervetti, costa, ecc.) bisognava pulirla molto attentamente affinchè non restassero minuscoli residui di osso e tagliarla in pezzetti tutti uguali ed ogni ciotolina doveva essere uguale all’altra per dosi di carne e brodo.
Filtrarla era un rito nel rito: con un colabrodo ed un tovagliolo a trama spessa affinchè solo il “cuore” del brodo filtrasse.
Mentre mio fratello preparava i piatti dosando brodo e carne, mia mamma andava a prendere in giardino le foglie di alloro che sarebbero andate a guarnire il piatto assieme alle 3 fettine sottili di aglio e alla spolverata di pepe.
Tutti gli “avanzi” del bollito, quelli meno belli, andavano poi a realizzare la terrina delle “scovazze”, la più buona, quella che aveva un mix di tutto, quella dai mille sapori, quella che si teneva per la famiglia e non si poteva offrire agli ospiti in quanto poco bella alla vista, ma sicuramente la più buona.
Poi bisognava preparare il tavolo nella grande stanza d’ingresso, la stanza più fresca della casa con la tovaglia bianca della nonna e tutte le ciotoline allineate.
La grande attenzione era rivolta al fatto che non facesse troppo caldo altrimenti la gelatina non si sarebbe rappresa.
Nel soggiorno invece, sul tavolo, facevano bella mostra le pinze (quella grande del giorno di Pasqua, quelle “una per ogni figlio”, quelle da regalare, e poi la mia pinzetta piccola, quella che avevo fatto io con le mie mani con un piccolo pezzetto di impasto), le titole e le gallinette con le uova sode, i presnitz e le putizze.
Questi erano però i lavori dei “grandi”: l’unica cosa che potevo fare io era colorare le uova (rigorosamente di rosso , di verde, di blu e di viola), attaccarci qualche decalcomania (quelle che si appiccicavano con l’acqua strofinando, chi se le ricorda?)  e poi lucidarle con un pezzetto di “crodiga” (cotenna) di lardo.
A mezzanotte del sabato Santo ricordo mia mamma che, anche se stavo dormendo, veniva a bagnarmi gli occhi perchè Cristo era risorto.
Il giorno di Pasqua ci si svegliava presto per andare a Messa e si aveva sempre qualcosa di nuovo da indossare: un vestito, le scarpe, una maglia… era Pasqua!
Prima di andare a Messa non si poteva bere neanche il caffè perchè bisognava andare prima in chiesa. Si preparava una fettina di pinza, un pezzetto di pane, un pizzico di sale ed un uovo sodo: tutte cose che, messe in un tovagliolo, si portavano a Messa per far benedire a fine celebrazione. Tutte cose che poi si sarebbero condivise in famiglia sul tavolo della merenda pasquale prima di iniziare il pranzo.
Al ritorno dalla Messa, finalmente, si poteva bere il caffè con un pezzetto di pinza e poi, via, ognuno con il proprio incarico a preparare un pezzetto della merenda pasquale.
Mio padre con mio fratello Gianni preparavano il kren (rafano) con il brodo, le mele oppure l’aceto. Altra super tradizione di famiglia: dopo aver pulito la radice bisognava grattugiarla finemente e poi impastarla. Quante lacrime…. altro che la cipolla!
Poi si preparava il tavolo, come detto possibilmente in giardino.
E tutto era pronto per la merenda pasquale.
Ecco il menù… nell’ordine…
  • Prosciutto cotto tagliato a mano rigorosamente grossetto e misto (con quel bordino di grasso che gli schizzinosi usano togliere…) con il kren e la pinza;
  • Formaggi: Emmenthal, Latteria (perchè una volta si chiamava così ed era soltanto uno di stagionature diverse – il nostro era fresco – mentre oggi ce ne sono tanti … Montasio Asiago Malga…. ecc. ecc. ecc.); Gorgonzola;
  • Olive, cetrioli e peperoni sottaceto e cipolline;
  • Insalatina e uova sode;
  • Gelatina;
  • Presnitz e Putizza;
  • Vino dei Colli Romani.
Punto. Questi erano gli “ingredienti” della nostra merenda pasquale.
Dopo la merenda finalmente si potevano aprire le uova di cioccolata che hanno sempre avuto sorprese assurde…
E poi i giochi… uno per tutti quello dell’uovo da colpire con il soldino a tipo un metro di distanza… bon io non ci riuscivo mai…
Ah… dimenticavo… l’aneddoto di cui volevo parlarvi (anche se poi ho deviato nei discorsi e mi sono lasciata prendere un po’ la mano) era il pulcino ubriaco poi diventato il… gallinaceo…
Ogni tanto a casa mia si comprava un pulcino: non so e non voglio sapere se poi questo pulcino finiva in qualche pentola tuttavia per me che ero piccola era molto divertente vederlo crescere.
Ricordo che si andava nell’Agraria di Righi, in piazza Goldoni a prendere le piante e sul retro nel negozio, nel periodo di Pasqua, in uno spazio dedicato sotto delle grandi lampade c’erano decine e decine di pulcini pigolanti.
Ricordo in particolare un anno che mio papà me ne aveva comperato uno.
Il pulcino girava tranquillamente per casa ed io giorno di Pasqua con mio fratello Duilio abbiamo provato a dare dei pezzettini di pinza al pulcino che ovviamente si è “ingossato”… ritengo che ingossare non sia un vocabolo italiano ma puro dialetto triestino… bon… si stava soffocando per farla breve… allora gli abbiamo dato un po’ di vino e il pulcino… andava a zig zag e non stava più sulle zampine… e noi giù a ridere…
Poi il pulcino è cresciuto e con le mie compagne di scuola Sandra e Gabri lo chiamavamo il gallinaceo perchè era proprio brutto brutto… Mi sembra di stare a scrivere un tema delle elementari…
LA MORALE di tutto quanto ho scritto oggi è molto semplice… ci sono momenti in cui è proprio difficile andare avanti, momenti in cui la vita sembra sfuggirti di mano e non sai quale potrà essere il tuo domani. Tu aggrappati ai ricordi e magari fai come ho fatto io. Scrivili. E magari di tanto in tanto rileggili. Ti terranno compagnia e ti riscalderanno il cuore.
La mia Pasqua 2018 è trascorsa tutto sommato serena ed ora anch’essa va a riporsi nel cassetto dei ricordi.

 

 

Annunci

Le più belle immagini del bomber della Triestina De Falco in mostra fino a fine estate a Trieste

“T&T un amore grande” la collezione privata delle foto di Franco De Falco, storico bomber della Triestina, tratte dal libro “Totò & Trieste, un amore grande” resterà in mostra per tutta l’estate al Bar Destino di Via Fabio Severo 49 a Trieste, dove si trova anche la sede del Triestina Club a lui dedicato.

Per informazioni: 328 0831957

 

Simone Di Luca si racconta “on air”a Put Your Feet Up su Radio City Trieste

 

Venerdì 17 marzo alle ore 14.30 -su http://www.radiocitytrieste.it

16938996_1358702487499056_1101628211939757952_n

Put Your Feet Up ospita questa settimana un grande amico: Simone Di Luca che vi regalerà 90 minuti di pura emozione in musica scelta rigorosamente da lui sull’unica web radio del ♥ Radio City Trieste (www.radiocitytrieste.it)

Un ospite speciale per una lunga chiacchierata insieme.
Parleremo di musica e fotografia, grandi eventi e concerti, ma viaggeremo “on air” anche nell’arte e nei luoghi della nostra bella Italia.
Non mancate! vi aspetto per raccontarvi Simone Di Luca, un personaggio molto carismatico e versatile che sarà in studio con me.
Un caleidoscopio di interessi che vi verranno svelati in un pomeriggio dedicato a lui e che faranno da anteprima ad un grandissimo appuntamento della sera: il concerto di Ligabue a Trieste.
Colonna sonora della trasmissione una speciale playlist scelta da lui  e quindi una vera sorpresa sia per me che per voi ascoltatori. Quello che vi garantisco è che sarà musica d’autore!
Ci potrete seguire dal computer di casa vostra in versione rigorosamente “Put Your Feet Up”, dai vostri cellulari e tablet ed anche attraverso il nuovissimo Facebook Player con il quale potete ascoltare la Radio DIRETTAMENTE da Facebook e quindi dalle Pagina Facebook: https://www.facebook.com/RadiocityTS/

Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1534052966836233/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla Montagna al Mare: Friuli Venezia Giulia, Emozione d’Autore

12301625_1019323818103593_5296476183523427272_n

“Dalla Montagna al Mare: Friuli Venezia Giulia, Emozione d’Autore”
Ecco a voi il video dell’anteprima del calendario 2017 realizzato dal mio studio su immagini di Paolo Da Pozzo.

Da questa selezione sono state scelte (e non è stato facile) dodici immagini che vi accompagneranno per il 2017.

Una vera fucina di emozioni!

 

BOLLICINE SUL CARSO

le_bollicine_sul_carso eva_trinca_itUna serata nella frescura del Carso Triestino per godere dei piaceri che solo le bollicine sanno regalare. Una “sfida” enogastronomica a colpi di mestoli ed etichette tra Friuli Venezia Giulia, Slovenia ed Istria tutta da gustare!

 

Lunedì 6 luglio dalle 11.00 alle 20.00 alla Trattoria Posta di Basovizza (Via Gruden 56 a Trieste) si terrà Bollicine sul Carso, un evento che propone l’eccellenza nel settore con una degustazione di bollicine regionali, slovene e istriane presentate dai loro produttori.

Il programma prevede 3 degustazioni guidate a cura di AIS Trieste che vedranno la partecipazione del Sommelier Roberto Filipaz (AIS FVG) con i produttori (a rotazione) alle ore 14, 16 e 18.

I produttori presenti all’evento saranno: dal Friuli Venezia Giulia Bole, Kante, La Bajta, Piè di Mont, Sancin e Villa Parens; dalla Slovenia Bjana, Cotar, Emeran Reya, Istenic, Medot, Silveri, Vinska klet Goriška Brda e Vipava mentre per l’Istria avremo Cattunar, Kabola e Veralda. Molto frizzante anche la contaminazione proveniente dal Veneto con Varaschin e dall’Emilia Romagna con Cavazzuti.

Alle bollicine verrà abbinato un piacevole intrattenimento gastronomico proposto dagli Chef Pavel Marc & Walter Clarich della Trattoria Gostilna Posta (Basovizza), Bruno Tirel dell’Ostaria da Bepi Meo (San Canzian d’ Isonzo), Dario Varisco della Dama Bianca (Duino) e dallo Chef del Castello di Trussio dell’Aquila d’Oro accompagnati dal sottofondo musicale di Radio City Trieste.

Per completare questa intensa giornata dedicata alle bollicine, alle ore 21.00 si terrà la Cena con i Viticoltori. (su prenotazione).

L’entrata alla degustazione è di 15,00 euro scontata di 5,00 euro presentando il coupon che si può trovare nei locali cittadini.

Il prezzo della cena è di 35,00 euro.

Per chi partecipa a degustazione e cena è prevista una speciale offerta a 45,00 euro a persona.

L’evento è realizzato dalla Trattoria Posta e dal Pastificio Barone, in collaborazione con Irena Fonda che proporrà i suoi Branzini di Pirano, i gelati artigianali del Caffe’ Vatta, i Salumi Lebon, Acqua Surgiva, l’enoteca Zazzeron, la tipografia Punto Stampa, Refrigeration Service, Lina – abiti di seta dipinti a mano; media partner Radio City Trieste, La Voglia Matta,Trieste In Your Pocket e Emozione d’Autore.

Per informazioni e prenotazioni: Trattoria Gostilna Posta

Via Gruden 56, Basovizza (TS) Tel.: 040 911191 info@trattoriaposta.it

Per info: Cell. 0038631674376 Gianfranco