La Bora e Trieste

 

tazze01

Te go sentido alzarte stanotte, go senti che te ga comincia a sbuffar prima pian pian,
dandoghe due piade alle foie secche che te trovavi davanti a ti, dispettosa come sempre, se no me giravo nel letto ogni volta che te ciapava i 5 minuti te ghe davi un colpetto alle canne del vento e te le fazevi sonar.
El fastidio te xe montà velocemente: te ieri tanto infastidida che i alberi intorno a ti
scasava la testa in tono de dissenso. No se fa cusi, no no… e più ti te davi de matto più lori se scasava.

Te sentivo, e in cuor mio iero felice che te fosi tornata. Con ti me sento a casa.

Te son la mia fonte de ispirazion e speravo che te rivasi oggi. E cusì te me ga accontentà. Te son el mio mood i diria oggi, ma mi te diria che te son la mia anima ribelle. Te me appartien quando all’alba te ingrumi a raccolta i cocai e insieme cantè e balé mentre la città dormi ancora o te se lanci in voli pindarici nel tramonto sora el mar fazendoghe sberleffi a chi te incontri  a passegiar sul Molo Audace spruzzandoli de acqua salada che per qualchedun ga el sapor delle lagrime.

Ma per mi no. Per mi xe gioia pura, xe voia de viver.
Quando te me svei cusì come oggi la giornata ga tutto un altro spirito.
Chi no te conosi difficilmente te sopporta. Te vedo dispettosa come sempre quando te ghe da colpetti sbarazzini ai capei o ale ombrele.
Ma la tua xe solo voia, gioia de viver.

Adeso devo andar…
Te speto al calar del sol in piazza Unità.
Go voia de vederte de novo balar un valzer in un posto bel come i saloni della sfarzosa Vienna, fazendo agitar le cotole dei alberi straluccicanti nel sfolgorio de luci de questa piaza che amo tanto.

E ancora una volta me comuoverò mentre sarò là. E ti te me abbraccerà come se te fosi la mia Mamma. Poi dispettosa te se allontanerà giogando a nascondin tra un albero e l’altro. E poi te tornerà ad abbraciarme come se no esistessi un domani.

E intanto Mamma Trieste sarà là e la te scolterà sfogarte, paziente, dolce, ma sempre elegante.

El mantel multicolor dell’autunno sulle spalle, el decoltè impreziosido da quel bellissimo ciondolo che xe el Municipio, bracciai e braccialetti luccicanti sui brazi i palazzi che abbraccia e circonda el suo cuor, piazza Unità, e una cotola lunga color blu oltremare con le pieghe dele onde che la fa sempre sentir instancabilmente inestimabilmente meravigliosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...